Tra autismo e deficit motori c’è un legame

di Ivano Abbadessa - 28.04.2014
Tra autismo e deficit motori c’è un legame
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per la prima volta è stata dimostrata l’esistenza di un rapporto diretto fra difficoltà motorie e autismo. Oltre ai già noti deficit sociali e di comunicazione, infatti, i bambini con questa sindrome sembrerebbero presentare ritardi di circa 6 mesi – rispetto ai loro coetanei – nello sviluppare abilità grosso-motorie come correre e saltare. E di quasi 1 anno nelle capacità fini-motorie come tenere in mano un cucchiaio o un piccolo giocattolo. Per giungere a questa conclusione la ricerca dell’Università dell’Oregon si è basata sull’analisi dei movimenti di 159 bimbi dai 12 ai 33 mesi di età, dei quali 110 diagnosticati con autismo. Trovando che le carenze fisiche dei piccoli con questa disabilità erano collegate alle loro difficoltà mentali. Una scoperta che, secondi gli autori, indica la necessità di inserire un focus particolare sullo sviluppo delle abilità motorie nei piani di trattamento per i bambini con questa sindrome. Riconoscere subito questi deficit – dicono – darebbe più probabilità di recuperare il gap con i loro coetanei a sviluppo tipico.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’inno antivaccinista di una mamma rapper

    Rapper, mamma di un bimbo autistico e antivaccinista. Nel suo ultimo album dal titolo MC (madri coraggio) l’artista francese L'Originale K-Lindsey denuncia le difficoltà di tutte le donne che, come lei, hanno un figlio con un disturbo dello spettro autistico. La solidarietà che si viene a creare tra questi genitori, Leggi tutto.

  • Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

    È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo. Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che Leggi tutto.

  • Inizia la formazione per i giovani ragazzi della “casa di Toti”

    È appena terminato il primo stage di sei giovani disabili presso "La Casa di Toti". L’albergo etico voluto da Muni Sigona, mamma di un ragazzo autistico, attualmente in costruzione a Modica, che vedrà ragazzi con lievi ritardi cognitivi vivere e lavorare, impegnati a gestire un’impresa nel sociale. Intanto, in attesa Leggi tutto.

  • Scoperto perché gli autistici evitano il contatto visivo

    Le persone con autismo spesso evitano il contatto visivo. E gli altri pensano che lo facciano per timidezza, indifferenza, o che sia un segno di disagio sociale. Ma ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno utilizzato scansioni cerebrali di pazienti autistici per sostenere la loro Leggi tutto.

  • Scoperto il perché dell’avversione al tocco nell’autismo

    L’ipersensibilità agli stimoli tattici è alquanto diffusa fra le persone con autismo. Si tratta di un complesso di reazioni di allarme e difensive - che possono manifestarsi anche come aggressività - messe in atto di fronte a stimoli che non sono in realtà minacciosi, come per esempio un abbraccio. Questo Leggi tutto.

  • Con una risonanza si può predire l’autismo già a 6 mesi

    Nei bimbi di appena 6 mesi di vita l’autismo si può predire. Molto prima che si manifestino i primi sintomi di questo disturbo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei neonati con sei Leggi tutto.