Sull’immigrazione Donald Trump rischia l’osso del collo

di Guido Bolaffi - 11.02.2016
Sull’immigrazione Donald Trump rischia l’osso del collo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

E se per Donald Trump la lotta all’immigrazione anziché essere il pass per la Casa Bianca fosse una buccia di banana? Un quesito che agli occhi di molti può apparire oggi fuori luogo se non addirittura infondato. Visto il vento in poppa che sembra accompagnarlo sia nei sondaggi che nei duelli televisivi ed elettorali con i rivali-concorrenti del suo partito. Ma siccome non è tutt’oro quel che luce riteniamo il nostro dubbio non solo legittimo ma fondato. Per due ragioni.

La prima: la retorica anti immigrati può certo galvanizzare gli elettori bianchi, compresi molti di antica fede democratica. Ma non cambiare il piccolo dato di fatto che essi sono da tempo, e irreversibilmente, una minoranza rispetto alle “minoranze” così poco amate da Mr. Trump. Che, come già capitato alle ultime elezioni presidenziali al suo compagno di partito Romney, continuando ad inimicarsi latinos e musulmani rischia di finire in minoranza nella maggioranza degli stati del paese.

La seconda: è paradossale ma il big business yankee, asse portante del moderatismo repubblicano, non può né vuole fare a meno delle capaci e assai disponibili forze del lavoro immigrato. Al punto che, secondo un recente e ben informato articolo pubblicato dal Financial Times, l’86% di 1.358 grandi o grandissime imprese edilizie intervistate avrebbe denunciato una forte carenza di manodopera propria a causa del forte rallentamento degli ingressi alle frontiere. In particolare da quella messicana. “Il nostro problema”, questo il succo delle lamentele di molti imprenditori, quasi tutti di fede repubblicana, “non è che gli immigrati sono troppi, ma che sono troppo pochi”. Insomma per il mondo degli affari Trump è libero di fare tutte le sparate che vuole ma non di bloccare l’immigrazione, utile più del pane.

Tanto è vero che nei salotti buoni del Texas, tra un whisky e l’altro, gira da tempo questa battuta: “se Trump vuole chiudere la frontiera del Messico con un muro la tenga almeno aperta per fare entrare gli immigrati necessari a costruirlo”. Quello che non sappiamo è se a Donald siano o meno fischiate le orecchie.

Pubblicato in Immigrati clandestini.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • I 5 stelle rispolverano il celodurismo di Bossi

    In politica non è detto che la miglior difesa è sempre l’attacco. Tanto è vero che la bordata anti-immigrati in stile leghista, sparata ieri dal duo Grillo-Raggi rischia di essere un clamoroso autogol per il Movimento 5 stelle. Perché ne ha messo a nudo due grandi limiti. Il primo, è l’aridità Leggi tutto.

  • Gli sbarchi dalla Libia ricordano quelli degli haitiani in Florida

    Pubblichiamo la seconda parte della conversazione sul caos migratorio nel Mediterraneo con Michael S. Teitelbaum, editorialista di Foreign Affairs, ricercatore dell’Harvard Law School e già vice-presidente della Commissione parlamentare per la riforma dell’immigrazione americana. D. Le ondate di immigrati in arrivo oggi sulle nostre coste dalla Libia presentano caratteristiche simili a quelle dei Leggi tutto.

  • Negli USA gli immigrati irregolari non sono tutti clandestini

    Non solo messicani, ma anche molti canadesi tra gli immigrati illegali negli USA. La notizia è tanto sorprendente quanto autorevole perché arriva direttamente dal Dipartimento per la Sicurezza Nazionale d’Oltreoceano. Che, dati alla mano, si è occupata di studiare una categoria semisconosciuta di clandestini: quella di coloro che entrano legalmente, il Leggi tutto.

  • L’esperto USA spiega perché è ok l’accordo UE-Turchia sui rifugiati

    L’accordo Ue-Turchia è un modello di riferimento per fronteggiare l'emergenza profughi. Ne è convinto Michael S. Teitelbaum, editorialista di Foreign Affairs, ricercatore dell’Harvard Law School e già vice-presidente della Commissione parlamentare  per la riforma dell’immigrazione americana. D. Sull’ultimo numero di  Foreign Affairs lei ha sostenuto che lo strumento più efficace per Leggi tutto.

  • Lo Stato non deve delegare la politica dell’immigrazione alle Ong

    La Commissione Difesa del Senato ha approvato all’unanimità e presentato ieri i risultati di un'indagine conoscitiva sulle operazione di soccorso delle Ong nel Mediterraneo. Abbiamo chiesto un parere al Prof. Marco Lombardi dell’Università Cattolica di Milano. Domanda: Qual è la tua opinione sulle conclusioni della Commissione Difesa del Senato? Risposta: Vanno nella Leggi tutto.

  • Con l’immigrazione clandestina non guadagnano solo i trafficanti

    La clandestinità è una delle maggiori ingiustizie dell’immigrazione: per chi arricchisce, per chi ne usufruisce e, soprattutto, per chi punisce. E’ infatti un fenomeno a somma zero che premia alcuni ma penalizza altri. Dà a qualcuno ciò che toglie a qualcun altro. Una verità forse difficile da accettare, ma che Leggi tutto.