Sul Brexit i gay inglesi alleati coi nazionalisti dell’UKIP

di Beatrice Credi - 03.03.2016
Sul Brexit i gay inglesi alleati coi nazionalisti dell’UKIP
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

C’è una pezzo della lobby omosessuale inglese che voterà sì al referendum del 23 giugno sull’uscita del Regno Unito dall’UE. Sono gli attivisti del gruppo ‘Out and Proud‘. Alla base della loro presa di posizione una semplice constatazione dei fatti: “l’Unione Europea non ha fatto niente per noi”. Conquiste come il matrimonio gay, il diritto di adottare, la parità di accesso alla fecondazione in vitro e il diritto di cambiare genere sono state raggiunte grazie a leggi approvate da Westminster non da Bruxelles. Perché tra i 28 paesi UE sono ancora molti quello che mal tollerano gay, lesbiche e trans.  Se non fosse chiaro il concetto ci pensa il fondatore del gruppo Adam Lake a semplificarlo: “uno dei nostri scopi principali è quello di sfatare il mito che i diritti LGBT nel Regno Unito derivino dall’appartenenza all’UE”.  A sostegno del Brexit è stato anche lanciato l’evocativo hashtag #EUComingOut.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Alex il primo gondoliere trans

    «Mi chiamo Alex Hai e sono transgender. Quando parlate di me usate i pronomi “egli” o “lui”». Così inizia un post pubblicato recentemente da un gondoliere di Venezia sul suo profilo Facebook. Su di lui è stato scritto di tutto e i giornali lo hanno sempre definito come "la prima Leggi tutto.

  • Strasburgo condanna la legge contro la “propaganda gay”

    La Corte europea dei diritti umani condanna la legislazione russa che vieta la promozione dell'omosessualità, anche nota come 'legge sulla propaganda gay'. Secondo la sentenza, che sarà definitiva tra 3 mesi se non ci saranno appelli, la norma viola il diritto alla libertà d'espressione ed è discriminatoria. A presentare il Leggi tutto.

  • In Serbia è accaduto l’inimmaginabile: donna, Primo Ministro, lesbica

    Donna e lesbica la nuova Prima Ministra serba, Ana Brnabic, ha scardinato i tabù di uno dei paesi più conservatori e omofobi d’Europa. 42 anni, omosessuale dichiarata, è stata appena incaricata dal neopresidente Aleksandar Vucic di formare il governo. “È un grande onore per me, ma al tempo stesso un’enorme responsabilità”, ha Leggi tutto.

  • Storielle consolatorie per le donne sposate a gay

    Ragazze, se avete sposato un gay senza saperlo, consolatevi. Non fosse altro per l’ottima compagnia. Ad Hollywood, ad esempio, sono tantissimi i matrimoni finiti quando lui, anche se con qualche colpevole anno di ritardo, ha fatto coming out. Non ci credete? Leggete qui. Angela Lansbury, la famosa Signora in Giallo che Leggi tutto.

  • Cinque curiosità sugli LGBT in USA

    Il Pew Research Center ha rilevato cinque dati importanti sulla comunità LGBT americana: 1) Sempre più statunitensi diventano tolleranti verso gay, lesbiche, bisessuali e trans, riconoscendone i diritti. Dal 51% nel 2006 al 63% nel 2016. 2) Sono i bisessuali la fetta più ampia del gruppo LGBT. Sul totale, almeno il 40%. 3) Leggi tutto.

  • Adesso l’anti-gay pride diventa un concorso

    Un concorso per premiare il miglior video che spiega come “prevenire” l’omosessualità. L’iniziativa, che ha già scatenato un putiferio in mezzo mondo, arriva dalla Malesia e fa parte di un più ampio programma governativo per evitare che le nuove generazioni si ammalino di quella “patologia” che porta ad amare e desiderare Leggi tutto.