Starbucks punisce una dislessica e finisce nei guai

di Annalisa Lista - 15.02.2016
Starbucks punisce una dislessica e finisce nei guai
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Meseret Kumulchew, dislessica impiegata di Starbucks, ha vinto la sua battaglia legale contro il colosso del caffè. Tutto era nato dal fatto che per i vertici dell’azienda la dipendente, incaricata di annotare quotidianamente le temperature dei frigoriferi del punto vendita di Londra, “compilava appositamente male” i report di sua competenza. Con l’intento di falsificare alcuni documenti. Sulla base di questa convinzione aveva “demansionato” e ridotto lo stipendio della signora Kumulchew. Che però non si è arresa. Forte del fatto che il boss era al corrente della sua dislessia che, com’è noto, induce chi ne soffre a fare errori di scrittura. Una logica che non è sfuggita ai giudici inglesi che hanno condannato il gigante del frappucino a un lauto risarcimento e alla riqualificazione professionale dell’impiegata per gravi danni morali e discriminazione sul luogo di lavoro. 

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Così i ciechi appassionati di corsa trovano le loro guide sportive

    Una piattaforma online per far incontrare non vedenti appassionati di corsa e corridori che si offrono come guide sportive per eventi amatoriali o maratone. È questo il principio alla base di “Comparte tu energía” (Condividi la tua energia), un punto di incontro sul web appena inaugurato in Spagna. L'obiettivo degli Leggi tutto.

  • Sei indicazioni utili per i maturandi dislessici

    Ecco le istruzioni e le modalità di svolgimento degli Esami di Stato per gli studenti dislessici illustrate dall’Associazione Italiana Dislessia e dal MIUR: 1) È possibile utilizzare tutti gli strumenti compensativi. 2) Si può usare il proprio PC con i software specifici installati per l’apprendimento, previo controllo fatto dalla Commissione per impedire Leggi tutto.

  • Così i non vedenti possono riscoprire i monumenti

    “Conoscere l’arte toccandola con mano”. È questo la sfida di Tooteko, startup culturale innovativa che ha sviluppato un nuovo metodo d’apprendimento basato su tatto e udito. Tooteko è, infatti, il nome del dispositivo che consente di conoscere la storia di un monumento semplicemente toccandolo: il tutto, grazie ad un anello Leggi tutto.

  • Quando la 104 non protegge dal trasferimento

    In Italia, un lavoratore che assiste un familiare disabile può essere spostato di sede se esistono esigenze aziendali effettive. Lo ha chiarito la Cassazione nel rigettare la richiesta di una dipendente della AUSL Roma A, di giudicare illegittimo il provvedimento con il quale era stato disposto il suo trasferimento in Leggi tutto.

  • Il manager che con il successo ha avuto la meglio sull’handicap

    Scrive e legge raramente mail e report, non usa Facebook, né Linkedin, non fa riunioni ma è uno dei più importanti top manager americani. Parliamo di Selim Bassoul che nonostante sia iperattivo e dislessico è alla guida del colosso statunitense Middleby Corporation. Un successo figlio di due mosse vincenti contro Leggi tutto.

  • I disabili potranno rimanere nelle case-famiglia anche dopo i 18 anni

    I portatori di handicap non saranno più costretti a lasciare le case-famiglia una volta compiuti i 18 anni. Succede nel Lazio dove la Giunta ha apportato alcune modifiche alla normativa regionale relativamente alle modalità di ammissione e dimissioni nei servizi residenziali per minori. Nel documento si legge, infatti, che “nel Leggi tutto.