Se con la playstation non perdi tempo ma trovi lavoro

di Annalisa Lista - 17.02.2016
Se con la playstation non perdi tempo ma trovi lavoro
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Una partita alla Playstation al posto del tradizionale colloquio di lavoro. È così che la multinazionale Deloitte vuole rivoluzionare le modalità di selezione del personale. Chiedendo ai candidati in cerca di occupazione di sedersi non davanti a una scrivania, ma a una console. Per giocare a Firefly Freedom. Un game virtuale in cui il protagonista deve catturare, tra mille ostacoli, quante più lucciole possibile per illuminare un villaggio rimasto al buio. Una modalità di recruting completamente diversa da quelle conosciute fino oggi che, secondo gli ideatori, ha tre vantaggi. Il primo, la riduzione, grazie all’approccio ludico, dell’ansia e della tensione dei candidati. Il secondo, la possibilità di testarne le competenze a vari livelli e in tempi rapidissimi. Mezz’ora al massimo. Il terzo, l’abbattimento dei costi. Visto che è possibile giocare comodamente da casa se non si può raggiungere il posto in cui si svolge la selezione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Arrivano anche in Italia i colloqui al buio

    Per assumere nuovi dipendenti, sono sempre di più le aziende italiane che si affidano al “blind recruitment”. Ovvero, quella particolare tecnica di selezione nella quale vengono cancellate volontariamente dal CV dei candidati informazioni come nome, genere, età ed educazione, in modo tale da eliminare ogni eventuale discriminazione e possibile pregiudizio Leggi tutto.

  • Tanti italiani tra i primi laureati al World Bachelor in Business

    Ci sono tanti italiani tra i primi 38 studenti che si sono laureati al World Bachelor in Business (WBB). Il programma di studi della durata di 4 anni e svolto interamente in inglese, nato dalla partnership tra Università Bocconi, University of Southern California e Hong Kong University of Science and Leggi tutto.

  • Dipendenti pubblici sempre più vecchi e incompetenti

    In Italia, i dipendenti pubblici sono sempre più vecchi e poco qualificati. Basta pensare che, attualmente, il 49% delle mansioni che richiedono una laurea è svolta da personale non laureato. In tutto, i “dottori” o quelli in possesso di titoli più alti sono circa il 40% del totale e il Leggi tutto.

  • Anche il medico deve poter dire: “Ho sbagliato”

    Per ridurre gli errori in sala operatoria, il medico deve essere libero di dire “ho fallito”. A sostenerlo, gli esperti della Penn University. Che hanno indagato su come i giudizi interni ed esterni, ossia della comunità scientifica e delle famiglie dei pazienti, portino i professionisti a sbagliare di più e Leggi tutto.

  • A scuola l’iperattività si placa disegnando fumetti

    Disegnare fumetti in classe per calmare ansia, aggressività, rabbia, scatti d’ira. È l’approccio sperimentato con successo nella scuola superiore Urban Assembly Bronx Academy of Letters, situata nelle difficili periferie di New York, con gli studenti con bisogni educativi speciali – autismo, problemi di salute e di famiglia, iperattività – per Leggi tutto.

  • Adesso tocca anche a loro essere licenziati

    I manager di oggi non sono più intoccabili come una volta. Negli ultimi 10 anni, infatti, il numero di quelli licenziati per comportamenti scorretti e violazione dei codici etici è raddoppiato negli Stati Uniti e in Canada e triplicato in Brasile, Russia, India e Cina. A dirlo è l’ultimo studio realizzato Leggi tutto.