Se con la playstation non perdi tempo ma trovi lavoro

di Annalisa Lista - 17.02.2016
Se con la playstation non perdi tempo ma trovi lavoro
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Una partita alla Playstation al posto del tradizionale colloquio di lavoro. È così che la multinazionale Deloitte vuole rivoluzionare le modalità di selezione del personale. Chiedendo ai candidati in cerca di occupazione di sedersi non davanti a una scrivania, ma a una console. Per giocare a Firefly Freedom. Un game virtuale in cui il protagonista deve catturare, tra mille ostacoli, quante più lucciole possibile per illuminare un villaggio rimasto al buio. Una modalità di recruting completamente diversa da quelle conosciute fino oggi che, secondo gli ideatori, ha tre vantaggi. Il primo, la riduzione, grazie all’approccio ludico, dell’ansia e della tensione dei candidati. Il secondo, la possibilità di testarne le competenze a vari livelli e in tempi rapidissimi. Mezz’ora al massimo. Il terzo, l’abbattimento dei costi. Visto che è possibile giocare comodamente da casa se non si può raggiungere il posto in cui si svolge la selezione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Tra i giovani il ritocchino non è più prerogativa femminile

    Giovani, rampanti e affezionati al ritocchino. Questo è il ritratto dei Millennials maschi americani. Che, secondo una ricerca dell’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery, sarebbero sempre più propensi a finire sotto i ferri del chirurgo estetico. Tra tutti gli uomini intervistati che hanno dichiarato di voler migliorare il Leggi tutto.

  • Consigli per la Maturità di una ragazza pagella d’oro

    Carlota Monedero ha appena superato a pieni voti la Maturità e sa già cosa fare da grande: dedicarsi alla ricerca scientifica per aiutare le persone come lei. A questa giovane diciottenne spagnola è stata diagnosticata la sindrome di Marfan. Una malattia rara che le causa problemi al cuore, alla vista, Leggi tutto.

  • L’innovazione è servita grazie a Startup in famiglia

    Startup in famiglia è il nome della nuova iniziativa di Heroes, meet in Maratea, il primo festival su futuro e impresa dell’euro-mediterraneo. Realizzata in collaborazione con Gnammo, principale piattaforma italiana di social eating, e con la community di Instagramers Italia, prevede oltre 70 cene dedicate alle startup più promettenti del Leggi tutto.

  • Aumentano gli immigrati che dall’Italia se ne tornano a casa

    Aumentano i giovani italiani e gli immigrati che lasciano il Belpaese. I primi, tra il 2008 e il 2015, hanno superato quota mezzo milione. Germania, Regno Unito e Francia sono in cima alle mete preferite dai nostri ragazzi per andare a studiare e lavorare all’estero. Ma non sono solo gli autoctoni Leggi tutto.

  • Secondo gli imprenditori i robot non rubano il lavoro

    Non saranno i robot a toglierci i posti di lavoro. Anzi, li aumenteranno. A sostenerlo, una ricerca condotta da Manpower Group su un campione di 16 mila capitani d’azienda di 43 paesi, presentata a Davos durante il World Economic Forum 2017. L’83 % degli imprenditori ritiene che l’ingresso nel mercato del Leggi tutto.

  • I robot nel mondo del lavoro non colpiscono a caso

    Con i robot non tutti perderanno il lavoro. Sarà per lo più la manodopera maschile scarsamente qualificata la vittima di quella disoccupazione tecnologica, che Keynes aveva previsto quasi un secolo fa. A sostenerlo l’ultimo rapporto della società consulenza inglese PWC. Secondo la quale, nel Regno Unito, il 30% delle professioni Leggi tutto.