Scoprire il Parkinson con carta e penna

di Paola Battista - 16.09.2013
Scoprire il Parkinson con carta e penna
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Sarebbe possibile diagnosticare precocemente il Parkinson attraverso la calligrafia. Lo afferma uno studio dei ricercatori del Department of Occupational Therapy dell’Università di Haifa, Israele. La ricerca, pubblicata su The Journal of Neurology, avrebbe coinvolto 40 partecipanti, di cui la metà affetta dal morbo, chiedendo loro di scrivere il proprio nome ed indirizzo su carta e penna, successivamente analizzati da un digitalizzatore. Stando ai risultati, il metodo sarebbe risultato efficace nel 97,5% dei casi permettendo di riconoscere i primi sintomi del disturbo: lettere piccole, poca pressione esercitata sul supporto di scrittura, molto tempo per completare il compito.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il bello di questo ristorante sono i camerieri smemorati

    Inaugurato a Tokyo il primo ristorante che impiega solo camerieri con l’Alzheimer. Sfidando i clienti a prendere con filosofia il rischio di mangiare non quello che hanno ordinato ma ciò che lo speciale personale ricorda di aver annotato. Volutamente chiamato The Restaurant of Order Mistakes (Il ristorante delle comande sbagliate) il locale porta Leggi tutto.

  • Le capsule di detersivo fatali non solo per i bambini

    Le capsule di detersivo per la lavatrice non sono pericolose solo per i bambini, ma a anche per i grandi. Dal 2012, negli Stati Uniti, sei adulti con demenza sono morti dopo averne ingerito una. A riportarlo è la Consumer Product Safety Commission. “I caregivers e i figli degli anziani Leggi tutto.

  • Hanno tutti l’Alzheimer i protagonisti di questo corto

    Il Sogno di Mariuccia è un cortometraggio più unico che raro. Visto che ha come protagonisti anziani affetti da demenza. Scritto da Michele Farina, verrà presentato in anteprima al prossimo Alzheimer Fest, che si terrà dal 1 al 3 settembre a Gavirate (Lago di Varese). Un appuntamento che vedrà riuniti Leggi tutto.

  • Architetto hi-tech arreda le case dei malati d’Alzheimer

    A riarredare la casa di un malato di Alzheimer ci pensa un’app. Semplici miglioramenti domestici, infatti, possono aumentare la qualità della vita di queste persone permettendo loro di rimanere indipendenti più a lungo. Ma ogni abitazione è diversa e richiede un intervento specifico e qui entra in scena IRIDIS. Che, grazie a Leggi tutto.

  • Speciale Amarcord per i malati d’Alzheimer

    Operazione amarcord per i malati di Alzheimer. È la mission della no profit My Life Films fondata da due coniugi inglesi. Che a titolo gratuito realizzano documentari di trenta minuti sulla vita privata e professionale delle donne e degli uomini nella fase precedente all’avvento della malattia. Uno speciale cortometraggio che Leggi tutto.

  • Un fumetto racconta cosa vuol dire essere caregivers

    Come spiegare alle aziende il modo in cui avere a che fare con dipendenti caregivers? Attraverso un fumetto. L'idea viene dall’UNAF (L’Unione francese delle associazioni familiari) che hanno creato questa speciale guida per i datori di lavoro, ma anche i colleghi, che si trovano fianco a fianco a qualcuno che Leggi tutto.