Ecco il test scopri Parkinson

di Manuela Pirrone - 04.10.2012
Ecco il test scopri Parkinson
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Prevenire il morbo di Parkinson da oggi è più facile. E’ entrato infatti in commercio un test che, da un semplice campione di sangue o saliva, è in grado di segnalare se la persona interessata rischia di contrarre questa patologia. Per ottenere l’esito della diagnosi, però, occorre attendere 16 settimane. Ma soprattutto sborsare, almeno per il momento, circa €2.000. A tanto infatti ammonta il prezzo di questo nuovo kit. Il merito della scoperta spetta a un team di ricercatori spagnoli che, dopo anni di sperimentazioni, sono riusciti a mettere a punto questo esame in in grado di rilevare le mutazioni subite da 285 geni coinvolti nello sviluppo di gravi malattie neurodegenerative.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il catalogo dei gadget intelligenti per malati di Alzheimer

     Oggetti di uso quotidiano rivisitati per rendere la vita più facile ai malati di demenza e alle loro famiglie. Questo è il contenuto di uno specialissimo kit disponibile nel Regno Unito in 59 farmacie Lloyds. L’idea si deve al 36enne James Ashwell, che ha curato la madre per cinque anni Leggi tutto.

  • Lasciate che gli infermieri lavorino anche con l’Alzheimer precoce

    Gli infermieri con la demenza dovrebbero essere autorizzati a continuare a curare i loro pazienti. Potrebbero, per esempio, essere spostati in ruoli che comportano compiti meno tecnici .Il Royal College of Nursing inglese sostiene, infatti, che se fosse possibile questo costituirebbe un esempio per la società. Nel corso del suo Leggi tutto.

  • Si è scoperto che si previene l’Alzheimer facendo del bene

    Per tenere lontano l’Alzheimer il segreto è fare volontariato. Più di cruciverba che allenano la memoria e sudoku per la logica, infatti, è aiutare gli altri che garantisce di dimezzare le probabilità di sviluppare questa malattia in tarda età. Anche solo un’ora a settimana di una qualsiasi attività pro bono, Leggi tutto.

  • In questo caso i figli non possono impedire le nozze con la badante

    In Italia, i figli non possono impugnare le nozze contratte dal padre, destinatario dell’amministrazione di sostegno, con la propria badante. Come avviene, invece, nel caso dell’interdizione. Si tratta, infatti, di due istituti che “lungi dal caratterizzarsi per l’analogia dell’uno con l’altro, si collocano su piani totalmente diversi”, in quanto il Leggi tutto.

  • La musica è un toccasana per i malati di Alzheimer

    Con la musicoterapia i malati di Alzheimer si rilassano e prendono meno medicinali. A sostenerlo, a conferma di studi precedenti, la Brown University di Providence (USA), che ha condotto un esperimento all’interno di un centinaio di case di riposo distribuite sul territorio nazionale. Dotando i pazienti di un paio di Leggi tutto.

  • Dal Giappone una soluzione hi-tech per l’Alzheimer

    Un dispositivo ultra-tech che aiuta a ritrovare i malati di Alzheimer che si smarriscono in città. Una novità che viene dal Giappone e che è stata testata con successo nella città di Kitakyushu. Sviluppata dalla società di servizi di sicurezza ALSOK, la Mimamori Tag, a differenza dei soliti braccialetti e Leggi tutto.