Questa la scuola giusta per i figli dei rifugiati siriani

di Annalisa Lista - 25.03.2016
Questa la scuola giusta per i figli dei rifugiati siriani
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Si trova a Södertälje, nei pressi di Stoccolma, l’unica scuola europea che ai piccoli rifugiati siriani insegna con la storia del paese ospitante anche quella della madrepatria. Negli istituti di questo comune, noto come l’Aleppo svedese (il 25% della popolazione è straniero), gli alunni in fuga da Damasco, studiano usi, costumi, tradizioni, lingua, musica e cultura della Svezia e della Siria. Perché, sostiene il preside Shabo Rhawi anch’egli figlio di immigrati, l’identità di questi ragazzi è il risultato della somma di due mondi diversi ma non per questo contrapposti: quello d’origine e quello che li accoglie. Conoscere entrambi è il passo decisivo per la loro integrazione. Se invece dal loro iter formativo uno dei due viene meno il rischio è di sviluppare uno scontro interiore, un clash culturale tra passato e presente. Con serie probabilità di finire nella spirala dell’emarginazione che è l’anticamere di varie forme di deviazione sociale.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Google e UNHCR raccontano la Siria prima della guerra

    Tutto quello che volete sapere sulla Siria in un sito web ricchissimo di informazioni. Si chiama Searching for Syria ed è stato lanciato da Google e l’UNHCR per soddisfare la curiosità e chiarire i dubbi della stragrande maggioranza degli internauti confusi dalle migliaia di notizie, informazioni frammentarie e falsi miti Leggi tutto.

  • In Italia è vietato girare con un coltello anche se “sacro”

    In Italia, non si può andare in giro con un coltello sostenendo che si tratta di un simbolo religioso. Lo ha stabilito la Cassazione nel rigettare il ricorso di un indiano sikh contro una precedente sentenza che lo aveva condannato per essere stato fermato dalla Polizia in possesso dell’oggetto, chiamato Leggi tutto.

  • Cosa pensano i cittadini delle politiche migratorie europee

    Il 73% dei cittadini europei vorrebbe che l'UE facesse di più per gestire le migrazioni. Allo stesso tempo il 58% crede che i provvedimenti presi finora siano inadeguati. Lo rivela l’indagine dell'Eurobarometro condotta dal 18 al 27 marzo, su un campione di 27.901 persone provenienti da tutti i paesi dell'UE Leggi tutto.

  • Si può vietare l’ingresso negli ospedali a chi indossa il burqa

    In Italia, si può vietare l’ingresso nei luoghi pubblici a chi indossa burqa e niqab. Il Tribunale di Milano, infatti, ha giudicato legittima una delibera della Lombardia con la quale, dopo i gravi episodi di terrorismo verificatisi nel novembre 2015 a Parigi e per esigenze di sicurezza, era stato disposto Leggi tutto.

  • Illegittimo imporre la lingua italiana nelle moschee

    Nel nostro Paese, non si può imporre l’uso dell'italiano negli edifici religiosi. A dirlo è la Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittima la legge della Regione Veneto, nella parte in cui prevede "l'impegno ad utilizzare la lingua italiana per tutte le attività svolte nelle attrezzature di interesse comune per servizi Leggi tutto.

  • I giovani tedeschi in linea con la Merkel sui rifugiati

    Spetta ai tedeschi il primo posto nella classifica dei giovani europei più tolleranti verso gli immigrati. Il boom di richiedenti asilo arrivati in Germania negli ultimi anni non ha alimentato forme di xenofobia tra le nuove generazioni. A dirlo l’ultimo rapporto del centro di ricerca Sinus condotto su un campione Leggi tutto.