Questa la scuola giusta per i figli dei rifugiati siriani

di Annalisa Lista - 25.03.2016
Questa la scuola giusta per i figli dei rifugiati siriani
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Si trova a Södertälje, nei pressi di Stoccolma, l’unica scuola europea che ai piccoli rifugiati siriani insegna con la storia del paese ospitante anche quella della madrepatria. Negli istituti di questo comune, noto come l’Aleppo svedese (il 25% della popolazione è straniero), gli alunni in fuga da Damasco, studiano usi, costumi, tradizioni, lingua, musica e cultura della Svezia e della Siria. Perché, sostiene il preside Shabo Rhawi anch’egli figlio di immigrati, l’identità di questi ragazzi è il risultato della somma di due mondi diversi ma non per questo contrapposti: quello d’origine e quello che li accoglie. Conoscere entrambi è il passo decisivo per la loro integrazione. Se invece dal loro iter formativo uno dei due viene meno il rischio è di sviluppare uno scontro interiore, un clash culturale tra passato e presente. Con serie probabilità di finire nella spirala dell’emarginazione che è l’anticamere di varie forme di deviazione sociale.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Dopo il cibo c’è anche il sesso halal

    È la prima guida al sesso per donne musulmane. The Muslimah Sex Manual: A Halal Guide to Mind Blowing Sex - questo il titolo completo - vuole rivoluzionare la vita delle islamiche in camera da letto, capovolgendo l’immagine del sesso come qualcosa di sporco e allontanando il senso di colpa. L’idea Leggi tutto.

  • Sull’immigrazione la cattiva stampa fa più danni dei populisti

    I mass media tedeschi alimentano l’immagine dell’immigrato “brutto e cattivo”. A denunciarlo uno studio della Hochschule Macromedia, che ha analizzato centinaia di articoli e reportage prodotti dai maggiori quotidiani e canali televisivi nazionali a partire da gennaio 2017. Scoprendo che i giornalisti tendono a dipingere i rifugiati più violenti e criminali di quanto Leggi tutto.

  • Musulmani e gay americani uniti contro il trumpismo

    Con gli omosessuali sono più tolleranti i musulmani che i cristiani evangelici. Almeno negli USA. Dove il 52% dei primi, contro il 34% dei secondi, secondo i dati del Pew Research Center, sostiene che la comunità lgbt debba essere tutelata, accettata e rispettata dalla società. La maggiore apertura, per molti versi Leggi tutto.

  • Record di immigrati in Germania

    Mai così tanti immigrati in Germania. A diffondere i dati, l’istituto di statistica Destatis. Secondo il quale, vi è stato un incremento dell’8,5% tra il 2015 e il 2016. Tradotto, oggi la popolazione straniera costituisce il 22,5% di quella totale, ossia 18,6 milioni di persone. Si tratta dell’aumento più alto Leggi tutto.

  • La pellicola di Gianni Amelio racconta la traversata dei migranti

    Tutti i pericoli che affrontano ogni giorno gli immigrati che lasciano il loro paese in un cortometraggio, Granma. Firmata Gianni Amelio, la pellicola è stata realizzata nell’ambito della campagna informativa Aware Migrants lanciata dall’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni e dal Ministero dell’Interno. Il film, che sarà presentato alla 70esima edizione del festival di Leggi tutto.

  • Il no al volto coperto non viola la libertà religiosa

    Vietare l’uso del niqab, il velo islamico che lascia visibili solo gli occhi, non viola la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Lo ha stabilito la Corte di Strasburgo, rigettando i ricorsi di tre musulmane contro la legge in vigore in Belgio sul divieto di indossare foulard che coprano il viso. Secondo i Leggi tutto.