Per la disabilità intellettiva serve una terapia di squadra

di Beatrice Credi - 03.03.2016

Centri che prendano in carico la disabilità intellettiva nella sua interezza. È quanto richiesto dall’Istituto Nazionale di Salute e Ricerca Medica francese (INSERM). Questi dovrebbero essere luoghi dove team multidisciplinari – medici generalisti e specialisti, psicologi, logopedisti, educatori, assistenti sociali – uniscono saperi e competenze per diagnosticare, valutare e supportare individui e famiglie lungo l’intero arco della vita. Un approccio che, da un lato, vuole migliorare cure e supporto per chi ha un handicap mentale. Visto che è più facile, per questa categoria, sviluppare malattie e problemi legati alla salute. Dall’altro ha anche il merito di armonizzare le prassi in tutto il paese.

Pubblicato in Disabili intellettivi.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’inno antivaccinista di una mamma rapper

    Rapper, mamma di un bimbo autistico e antivaccinista. Nel suo ultimo album dal titolo MC (madri coraggio) l’artista francese L'Originale K-Lindsey denuncia le difficoltà di tutte le donne che, come lei, hanno un figlio con un disturbo dello spettro autistico. La solidarietà che si viene a creare tra questi genitori, Leggi tutto.

  • Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

    È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo. Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che Leggi tutto.

  • Inizia la formazione per i giovani ragazzi della “casa di Toti”

    È appena terminato il primo stage di sei giovani disabili presso "La Casa di Toti". L’albergo etico voluto da Muni Sigona, mamma di un ragazzo autistico, attualmente in costruzione a Modica, che vedrà ragazzi con lievi ritardi cognitivi vivere e lavorare, impegnati a gestire un’impresa nel sociale. Intanto, in attesa Leggi tutto.

  • Quest’estate il miglior caffè lo servono i baristi Down

    Apre i battenti a Formia (LT) Happy Bar, il primo bar della provincia di Latina gestito da ragazzi Down. Un sogno che diventa realtà per sei ragazzi, Laura, Andrea, Carlo, Elisa, Francesco e Vittorio che, con l’aiuto di tutor ad hoc e baristi professionisti, faranno a turno per servire caffè, spremute Leggi tutto.

  • Scoperto perché gli autistici evitano il contatto visivo

    Le persone con autismo spesso evitano il contatto visivo. E gli altri pensano che lo facciano per timidezza, indifferenza, o che sia un segno di disagio sociale. Ma ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno utilizzato scansioni cerebrali di pazienti autistici per sostenere la loro Leggi tutto.

  • I saponi di questa ragazza Down fanno impazzire le donne

    Le "bombe da bagno" di Morgan Tibbens, giovanissima businesswoman con la Sindrome di Down, hanno fatto il record di vendite negli USA. Molto amate dalle donne, queste speciali sfere di sapone colorate e profumate a contatto con l’acqua hanno una reazione effervescente e rilassante. E lo sa bene la teenager Leggi tutto.