Non è un problema se mia figlia ha un cromosoma in più

di Giuseppe Ciotta - 21.03.2016
Non è un problema se mia figlia ha un cromosoma in più
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Caroline Boudet, giornalista francese, madre di una bimba Down, sconvolta da un commento rivolto alla figlia dal medico, ha deciso di condividere su Facebook le sue impressioni, accompagnandole da un video con la sua bambina. “La mia Louise ha 4 mesi, 2 braccia e un cromosoma in più. Come ho fatto a non scoprirlo in gravidanza? Magari l’ho fatto e abbiamo deciso di tenerla. Quando anch’io non sapevo nulla di Down, avrò offeso allo stesso modo altre persone, senza rendermene conto. Quindi devo spiegarlo agli altri, perché noi madri abbiamo la tendenza a sentirci in colpa, per qualsiasi cosa, anche per un cromosoma in più”.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La compagnia di danza moderna di soli artisti Down

    Mops_DanceSyndrome è la compagnia svizzera di danza moderna composta unicamente da portatori di trisomia 21. Si tratta di un progetto artistico-coreografico innovatore e indipendente, che combatte i pregiudizi con il ballo, esaltando il talento, la sensibilità, l'espressività e la creatività dei suoi danzatori con Sindrome di Down. Un’iniziativa in piena Leggi tutto.

  • Un giochetto manuale unisce bimbi autistici e non

    Spopola tra i bimbi di mezzo mondo, ma pochi sanno che il Fidget Spinner è nato come giocattolo per autistici. La trottola rotante che va mantenuta in movimento con un’abile pressione delle dita delle mani, infatti, esiste fin dagli anni ‘90 e la sua invenzione si deve a Catherine Hettingher, un ingegnere americana Leggi tutto.

  • Vogliono curare l’autismo con l’elettroshock

    Un numero crescente di bambini autistici americani viene sottoposto a terapia elettroconvulsivante, comunemente nota come elettroshock. Il controverso trattamento si basa sull'induzione di convulsioni nel paziente successivamente al passaggio di corrente elettrica nel cervello. Come dimostra un esclusivo documentario andato in onda domenica scorsa sul canale TV della BBC, questa Leggi tutto.

  • A scuola l’iperattività si placa disegnando fumetti

    Disegnare fumetti in classe per calmare ansia, aggressività, rabbia, scatti d’ira. È l’approccio sperimentato con successo nella scuola superiore Urban Assembly Bronx Academy of Letters, situata nelle difficili periferie di New York, con gli studenti con bisogni educativi speciali – autismo, problemi di salute e di famiglia, iperattività – per Leggi tutto.

  • Il manager che con il successo ha avuto la meglio sull’handicap

    Scrive e legge raramente mail e report, non usa Facebook, né Linkedin, non fa riunioni ma è uno dei più importanti top manager americani. Parliamo di Selim Bassoul che nonostante sia iperattivo e dislessico è alla guida del colosso statunitense Middleby Corporation. Un successo figlio di due mosse vincenti contro Leggi tutto.

  • La storia del medico con autismo in una nuova serie TV

    L'autismo è al centro di un nuovo dramma televisivo che verrà messo in onda in autunno dalla ABC, storica emittente televisiva statunitense. “The Good Doctor” racconterà la storia di Shaun Murphy, un giovane chirurgo con autismo e sindrome del savant che lascia la sua vita tranquilla di provincia per lavorare Leggi tutto.