Nel privato sono più produttivi senza l’obbligo del cartellino

di Beatrice Credi - 04.03.2016

Cosa rende un impiegato produttivo, motivato e soddisfatto? La libertà. Soprattutto di orari. Così almeno sembra secondo un maxi studio condotto su più di 12mila lavoratori dipendenti di 17 paesi. Prendendo in esame diversi parametri quali l’organizzazione e la gestione delle comunicazioni, l’attrezzatura disponibile, il grado di autonomia nelle scelte e nell’orario, gli scienziati sono arrivati a un’unica conclusione: il dipendente perfetto è quello con meno vincoli. Che può lavorare da casa o in openspace, che si avvale delle nuove tecnologie per farlo e che ha piena flessibilità e libertà nell’organizzazione dell’attività. Se servisse una controprova, questa arriva dai cugini d’Oltralpe. I francesi, infatti, rispetto alla media mondiale usano meno i dispositivi mobili (telefono, tablet, laptop) e sono meno propensi al telelavoro. Questa forte rigidità li fa scivolare, non a caso, all’ultimo posto nella classifica dei dipendenti efficienti, identificandoli come i più stressati e con gravi difficoltà di concentrazione. Vale la pena segnalare che l’Oscar dell’efficacia dietro la scrivania viene vinto da indiani e messicani. Che i paesi emergenti abbiano scoperto la chiave del successo?

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Arrivano anche in Italia i colloqui al buio

    Per assumere nuovi dipendenti, sono sempre di più le aziende italiane che si affidano al “blind recruitment”. Ovvero, quella particolare tecnica di selezione nella quale vengono cancellate volontariamente dal CV dei candidati informazioni come nome, genere, età ed educazione, in modo tale da eliminare ogni eventuale discriminazione e possibile pregiudizio Leggi tutto.

  • Tanti italiani tra i primi laureati al World Bachelor in Business

    Ci sono tanti italiani tra i primi 38 studenti che si sono laureati al World Bachelor in Business (WBB). Il programma di studi della durata di 4 anni e svolto interamente in inglese, nato dalla partnership tra Università Bocconi, University of Southern California e Hong Kong University of Science and Leggi tutto.

  • Dipendenti pubblici sempre più vecchi e incompetenti

    In Italia, i dipendenti pubblici sono sempre più vecchi e poco qualificati. Basta pensare che, attualmente, il 49% delle mansioni che richiedono una laurea è svolta da personale non laureato. In tutto, i “dottori” o quelli in possesso di titoli più alti sono circa il 40% del totale e il Leggi tutto.

  • Anche il medico deve poter dire: “Ho sbagliato”

    Per ridurre gli errori in sala operatoria, il medico deve essere libero di dire “ho fallito”. A sostenerlo, gli esperti della Penn University. Che hanno indagato su come i giudizi interni ed esterni, ossia della comunità scientifica e delle famiglie dei pazienti, portino i professionisti a sbagliare di più e Leggi tutto.

  • A scuola l’iperattività si placa disegnando fumetti

    Disegnare fumetti in classe per calmare ansia, aggressività, rabbia, scatti d’ira. È l’approccio sperimentato con successo nella scuola superiore Urban Assembly Bronx Academy of Letters, situata nelle difficili periferie di New York, con gli studenti con bisogni educativi speciali – autismo, problemi di salute e di famiglia, iperattività – per Leggi tutto.

  • Adesso tocca anche a loro essere licenziati

    I manager di oggi non sono più intoccabili come una volta. Negli ultimi 10 anni, infatti, il numero di quelli licenziati per comportamenti scorretti e violazione dei codici etici è raddoppiato negli Stati Uniti e in Canada e triplicato in Brasile, Russia, India e Cina. A dirlo è l’ultimo studio realizzato Leggi tutto.