Nel privato sono più produttivi senza l’obbligo del cartellino

di Beatrice Credi - 04.03.2016

Cosa rende un impiegato produttivo, motivato e soddisfatto? La libertà. Soprattutto di orari. Così almeno sembra secondo un maxi studio condotto su più di 12mila lavoratori dipendenti di 17 paesi. Prendendo in esame diversi parametri quali l’organizzazione e la gestione delle comunicazioni, l’attrezzatura disponibile, il grado di autonomia nelle scelte e nell’orario, gli scienziati sono arrivati a un’unica conclusione: il dipendente perfetto è quello con meno vincoli. Che può lavorare da casa o in openspace, che si avvale delle nuove tecnologie per farlo e che ha piena flessibilità e libertà nell’organizzazione dell’attività. Se servisse una controprova, questa arriva dai cugini d’Oltralpe. I francesi, infatti, rispetto alla media mondiale usano meno i dispositivi mobili (telefono, tablet, laptop) e sono meno propensi al telelavoro. Questa forte rigidità li fa scivolare, non a caso, all’ultimo posto nella classifica dei dipendenti efficienti, identificandoli come i più stressati e con gravi difficoltà di concentrazione. Vale la pena segnalare che l’Oscar dell’efficacia dietro la scrivania viene vinto da indiani e messicani. Che i paesi emergenti abbiano scoperto la chiave del successo?

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Tra i giovani il ritocchino non è più prerogativa femminile

    Giovani, rampanti e affezionati al ritocchino. Questo è il ritratto dei Millennials maschi americani. Che, secondo una ricerca dell’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery, sarebbero sempre più propensi a finire sotto i ferri del chirurgo estetico. Tra tutti gli uomini intervistati che hanno dichiarato di voler migliorare il Leggi tutto.

  • Consigli per la Maturità di una ragazza pagella d’oro

    Carlota Monedero ha appena superato a pieni voti la Maturità e sa già cosa fare da grande: dedicarsi alla ricerca scientifica per aiutare le persone come lei. A questa giovane diciottenne spagnola è stata diagnosticata la sindrome di Marfan. Una malattia rara che le causa problemi al cuore, alla vista, Leggi tutto.

  • L’innovazione è servita grazie a Startup in famiglia

    Startup in famiglia è il nome della nuova iniziativa di Heroes, meet in Maratea, il primo festival su futuro e impresa dell’euro-mediterraneo. Realizzata in collaborazione con Gnammo, principale piattaforma italiana di social eating, e con la community di Instagramers Italia, prevede oltre 70 cene dedicate alle startup più promettenti del Leggi tutto.

  • Aumentano gli immigrati che dall’Italia se ne tornano a casa

    Aumentano i giovani italiani e gli immigrati che lasciano il Belpaese. I primi, tra il 2008 e il 2015, hanno superato quota mezzo milione. Germania, Regno Unito e Francia sono in cima alle mete preferite dai nostri ragazzi per andare a studiare e lavorare all’estero. Ma non sono solo gli autoctoni Leggi tutto.

  • Secondo gli imprenditori i robot non rubano il lavoro

    Non saranno i robot a toglierci i posti di lavoro. Anzi, li aumenteranno. A sostenerlo, una ricerca condotta da Manpower Group su un campione di 16 mila capitani d’azienda di 43 paesi, presentata a Davos durante il World Economic Forum 2017. L’83 % degli imprenditori ritiene che l’ingresso nel mercato del Leggi tutto.

  • I robot nel mondo del lavoro non colpiscono a caso

    Con i robot non tutti perderanno il lavoro. Sarà per lo più la manodopera maschile scarsamente qualificata la vittima di quella disoccupazione tecnologica, che Keynes aveva previsto quasi un secolo fa. A sostenerlo l’ultimo rapporto della società consulenza inglese PWC. Secondo la quale, nel Regno Unito, il 30% delle professioni Leggi tutto.