Nasce la scuola senza aule, né orari

di Ivano Abbadessa - 31.01.2014
Nasce la scuola senza aule, né orari
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Una scuola dove si fanno al massimo due ore di lezione, non ci sono aule chiuse né scomodi banchi. Il sogno di tanti scolari svogliati? No. Semplicemente la realtà degli istituti svedesi Vittra. Centri che hanno rivoluzionato il modo di educare. Per la gioia comprensibile dei più piccoli che possono muoversi liberamente. Sono stati introdotti, infatti, nuovi concetti di spazio e tempo. Organizzato intorno a una piazza centrale aperta e stanze con pareti di vetro per creare una sensazione di libertà e trasparenza. Perché la filosofia è che qualunque luogo può essere utile per l’apprendimento. Seduti sui gradini, sui cuscini o comodamente sdraiati a terra. Gli 8.500 studenti, dai 6 ai 16 anni, apprendono senza orari rigidi. In modo da dare loro il tempo di iniziare e finire i compiti. Un innovativo modello sul quale hanno scommesso anche le autorità statali. Pur trattandosi di scuole gestite da società private, infatti, vengono finanziate con fondi pubblici. Ovvero non ci sono rette o tasse a carico dei genitori. Gli studenti sono ammessi in rigoroso ordine di iscrizione, senza dover sostenere esami di ammissione.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Se non sono i genitori è la legge a vietare loro la chirurgia estetica

    Vietare agli under-18 gli interventi di chirurgia estetica. Il severo monito arriva dal Consiglio di bioetica inglese allarmato dal boom di operazioni, per futili motivi, persino su minori di appena 8 anni. Una moda causata da almeno tre fattori. Il primo, i videogiochi e le app come Plastic Surgery Princess che, Leggi tutto.

  • La “primina” per i figli non è sempre una buona idea

    Mandare i bambini in primina non è sempre una buona idea. Perché può metterli a rischio stress e depressione negli anni a venire. A dirlo, uno studio dell’Università di Exeter, che ha indagato sulle conseguenze delle iscrizioni premature dei piccoli alla scuola elementare. Dalle analisi e le testimonianze rilasciate da Leggi tutto.

  • La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi

    Sono poco conosciuti ma hanno già portato i risultati sperati. Parliamo dei cosiddetti asili di genere neutro che la Svezia ha sperimentato per educare le nuove generazioni a rifiutare ogni forma di stereotipo di genere. Secondo un recente studio, i bambini che li hanno frequentati hanno, rispetto alla media, mostrano Leggi tutto.

  • Contro l’astensionismo giovanile li educano a votare fin da piccoli

    È stata ribattezzata la più giovane democrazia al mondo. Parliamo della scuola materna Dolli-Einstein-Haus di Pinneberg, Germania del Nord. Qui sono i piccolissimi studenti (3-5 anni) a scegliere tramite regolari elezioni cosa mangiare e a quali attività partecipare. Le urne si aprono una volta alla settimana per chiedere ai baby-elettori quale Leggi tutto.

  • I prof francesi imparano online a occuparsi degli alunni disabili

    AccessiProf è il sito Internet dedicato a tutti gli insegnanti che in classe hanno un alunno disabile. Ideato in Francia dal CNED (Centro Nazionale per l'Istruzione a Distanza) offre gratuitamente kit didattici digitali. L'obiettivo? Fornire supporto a tutti i professionisti che tra i banchi devono relazionarsi con l’handicap. Consigli, metodologia, Leggi tutto.

  • Insospettabili testimonial convincono piccoli fan a leggere

    Le star del calcio testimonial di una campagna contro l’analfabetismo giovanile. Quasi una provocazione (chi è bravo con i piedi spesso lo è meno a leggere e scrivere), che però in Inghilterra ha portato i risultati sperati. L’iniziativa “Premier League Reading Stars” che ha visto i top player della seria Leggi tutto.