Rinunciano al parrucchiere per far bello Fufi

di Roberta Lunghini - 04.03.2016
Rinunciano al parrucchiere per far bello Fufi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Spendono più per la toelettatura degli animali domestici che per le proprie cure estetiche. Si è accertato, infatti, che l’italiano medio spende ormai €800 l’anno per un cane e €400 per un gatto. Coccolati e viziati come e più dei figli i veri padroni di casa sono insomma a 4 zampe. Una rivoluzione domestica che, come segnala la Camera di Commercio di Monza e Brianza, ha uno specifico peso, oltre che affettivo, economico. Testimoniato, tra gli altri dati, dal fatto che negli ultimi 5 anni le aziende del settore “pet” sono cresciute del 20% contro un risicato +2,7% registrato tra quelle operanti nei servizi alla persona (coiffeur, estitisti, istituti di bellezza).      

Pubblicato in Famiglia in cifre.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Spagna il cognome del padre non avrà più la precedenza

    Dal 30 giugno in Spagna il cognome paterno non avrà più prevalenza su quello materno. Da quella data, infatti, entrerà in vigore la riforma del Registro Civil che regola l'attribuzione del nome al nascituro. Fino ad ora, nella Penisola iberica al prenome (semplice o composto) seguivano due cognomi: il primo Leggi tutto.

  • Un bando per la Capitale verde europea 2020

    Aperte le candidature per il Premio capitale verde europea 2020. Il riconoscimento per le città di almeno 100mila abitanti che hanno dimostrato e dimostrano interesse per il miglioramento dell’ambiente. Contemporanemente si apre il bando per il Premio foglia verde europea, rivolto ai comuni che hanno fra i 20mila e i Leggi tutto.

  • La Danimarca è il Paese dove si vive meglio al mondo

    Il posto migliore al mondo in cui vivere è la Danimarca. Ad incoronare Copenaghen come regina del globo ci ha pensato il Social Progress Index, che ha realizzato uno studio vagliando 128 Paesi al mondo tramite la lente accurata di 50 indicatori. Ad esempio, l'accessibilità alle cure mediche, la sicurezza Leggi tutto.

  • Aumentano le coppie che fanno finta di lasciarsi per pagare meno tasse

    In Italia, sono tanti i coniugi che fanno finta di lasciarsi per pagare meno tasse. Si stima, infatti, che almeno il 7% delle separazioni sia simulato: circa 6.400 su un totale di 91.000 ogni anno (dati Istat 2015). Un fenomeno che risulta essere molto conveniente soprattutto per le coppie con Leggi tutto.

  • Quanto spendono gli Stati UE in pensioni di reversibilità

    Nel 2014, nell'Unione europea sono stati spesi quasi €220 miliardi in pensioni di reversibilità a seguito della morte di un familiare. Si tratta del 6% del totale investito in prestazioni sociali, un tasso quasi equivalente a quello sborsato per sussidi di disoccupazione (5%) e di invalidità (7%). Secondo i dati Leggi tutto.

  • Si divorzia di più per colpa di Facebook

    Se, in Italia, i divorzi sono in continuo aumento, la colpa è anche di Facebook. Le nuove tecnologie in generale, e i social in particolare, infatti, accrescono la conflittualità familiare, in quanto favoriscono le “amicizie” e gli stimoli esterni. È quanto messo in luce da una ricerca realizzata da Adico Leggi tutto.