Rinunciano al parrucchiere per far bello Fufi

di Roberta Lunghini - 04.03.2016
Rinunciano al parrucchiere per far bello Fufi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Spendono più per la toelettatura degli animali domestici che per le proprie cure estetiche. Si è accertato, infatti, che l’italiano medio spende ormai €800 l’anno per un cane e €400 per un gatto. Coccolati e viziati come e più dei figli i veri padroni di casa sono insomma a 4 zampe. Una rivoluzione domestica che, come segnala la Camera di Commercio di Monza e Brianza, ha uno specifico peso, oltre che affettivo, economico. Testimoniato, tra gli altri dati, dal fatto che negli ultimi 5 anni le aziende del settore “pet” sono cresciute del 20% contro un risicato +2,7% registrato tra quelle operanti nei servizi alla persona (coiffeur, estitisti, istituti di bellezza).