L’inno alla vita della combattente abortista

di Annalisa Lista - 09.02.2017
L’inno alla vita della combattente abortista
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Esce in questi giorni Per non tornare al buio. Dialoghi sull’aborto¹ di Livia Turco, parlamentare PD di lunga carriera e per anni Ministro delle Politiche Sociali e della Sanità. Finito di leggere il suo scritto, abbiamo voluto incontrarla per fare quattro chiacchiere con lei su alcuni temi che hanno destato il nostro interesse.

Domanda: Livia Turco perché ha scritto questo libro?

Risposta: Per tre ragioni. La prima, l’esigenza di passare il testimone di una battaglia intrapresa anni fa alle nuove generazioni. La seconda, la preoccupazione che si rischi di tornare al buio. Visto che i ginecologi che hanno combattuto per la 194 stanno quasi tutti andando in pensione, mentre aumentano, tra i nuovi, quelli obiettori. Infine, la necessità di far capire ai giovani che non è colpa loro se non fanno i figli ma di una società che non è accogliente della maternità.

D: Non è un po’ strano che Lei torni a parlare di aborto quando, in realtà, in Italia come nel resto del mondo, si registrano sempre meno casi?

R: Esattamente il contrario. È importante proprio per far capire come la battaglia per la legalizzazione dell’aborto è servita a diffondere una cultura della contraccezione, dell’importanza dei consultori familiari, del dialogo con i ginecologi che ha allentato la necessità, per le donne, di ricorrevi. Unitamente al fatto che la legge, permettendo loro di non doversi più nascondere e uscire dallo stigma sociale, le ha indotte a riflettere in maniera più matura e autonoma sul senso della maternità.

D: Lei che è una grintosa di sinistra, cattolica e paladina della 194, come etichetterebbe oggi, politicamente, un soggetto come l’americano Scott Arbeiter, fervente cattolico e anti-abortista convinto che però è pro-immigrati?

R: In verità, con gli occhi dell’italiana mi è difficile dargli una collocazione politica. A primo impatto, mi verrebbe da dire un conservatore sui generis. Certamente, non un uomo di destra. Proprio perché chi, come lui, difende il diritto alla vita a 360°, dalla formazione dell’embrione alla protezione del rifugiato che scappa dalla guerra, in un altro paese, per salvarsi, è qualcuno di veramente e profondamente coerente con l’essenza più pura del principio pro-life.

D: Per finire, c’è un tema che il mio giornale ha più volte affrontato, quello della sessualità dei maschietti. Non è che la battaglia per le donne l’ha messa un po’ da parte?

R: In parte non è vero, in parte sì. Non è vero nella misura in cui io, personalmente, nel libro mi rivolgo a ragazzi e ragazze. Perché, per me, la questione dell’aborto non è solo un fatto femminile, ma di entrambi i sessi. Anche il maschio va educato alla contraccezione, alla responsabilità genitoriale, alla prevenzione dei comportamenti sessuali a rischio. Per contribuire, così, a un ulteriore calo del ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza. E anche, come Lei sottolinea, alla riduzione delle conseguenze legate ai tabù che vivono: il ricorso alla droga e alla violenza sulle compagne per sentirsi forti. È pur vero, però, che in generale delle difficoltà dei maschi se ne parla meno, che la questione della salute sessuale maschile non è sotto i riflettori come quella femminile.

D: Se Lei fosse Ministro della salute oggi, cosa farebbe per gli uomini?

R: Punterei a tre soluzioni. Innanzitutto, partirei dal dialogo in famiglia. In particolare, dal potenziamento della relazione madre-figlio maschio per scardinare gli imbarazzi e fare in modo che lui si senta libero di parlare di un problema. In secondo luogo, istituire corsi di educazione sessuale e consultori maschili obbligatori nelle scuole. Infine, l’obbligo, da parte delle aziende, di riservare una quota fissa di congedi parentali per i padri. Così come avviene già in altre realtà europee avanzate.

¹L. Turco, Per non tornare al buio. Dialoghi sull’aborto, Roma, Ediesse, 2016, 221 pp.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Quante donne soffrono di depressione post partum in Italia

    Si stima che, anche in Italia, tra il 10% e il 20% delle donne soffra di depressione post partum. Mentre, 1 su 7 viene colpita da ansia dopo aver dato alla luce un figlio. Perdita di appetito, tristezza, insonnia, affaticamento e irritabilità sono i sintomi più comuni. Ma altri segnali Leggi tutto.

  • Oggi ad abortire sono le trentenni

    In Inghilterra e Galles, lo scorso anno, sono stati effettuati un numero maggiore di aborti su donne di più di 35 anni rispetto alle adolescenti. I dati ufficiali del Dipartimento della Salute mostrano un tasso crescente di interventi in questa fascia d’età. Da 28.562 nel 2006, a oltre 30mila nel Leggi tutto.

  • Viaggiano dall’Irlanda del Nord all’Inghilterra per abortire

    Nel 2016, oltre 700 donne sono state costrette a spostarsi dall'Irlanda del Nord all'Inghilterra per abortire. Obbligate a questa migrazione sanitaria perché in Irlanda del Nord l'interruzione della gravidanza è vietata, salvo che sia in pericolo la vita della donna o esista un grave rischio per la sua salute fisica Leggi tutto.

  • Anche se non hanno il supporto delle nonne fanno più figli di noi

    Se in Italia si fanno pochissimi figli è anche perché non ci sono le Kraamzorg (infermiere della maternità). Vere e proprie Mary Poppins dei tempi moderni che in Olanda, nel quadro del sistema sanitario nazionale, fanno servizio a domicilio alle neomamme. Per aiutarle a cambiare un pannolino, misurare e pesare Leggi tutto.

  • È ufficiale, le culle vuote non le riempiono gli immigrati

    La popolazione italiana continua a diminuire. Dopo lo storico calo registrato lo scorso anno, l’Istat torna a certificare un nuovo decremento. Il totale nel 2016 si attesta a 60.589.445 persone (di cui oltre 5 milioni di origine straniera), con un saldo negativo, per 76.106 unità, determinato dalla flessione del numero Leggi tutto.

  • Qui è statale il test prenatale della sindrome di Down

    In Belgio il test prenatale per diagnosticare la sindrome di Down diventa un affare di Stato. Dal prossimo 1 luglio, infatti, sarà la mutua belga, caso unico nell’UE, a farsi carico del 100% dei costi (€290) di questo esame che, attraverso l’analisi del Dna fetale, consente alle donne in gravidanza Leggi tutto.