Le educano fin da piccole che tocca a loro pulire casa

di Beatrice Credi - 07.10.2016

Nel mondo, rispetto ai coetanei maschi, alle bambine tocca un 40% in più di lavoro domestico. Si tratta di ben 160 milioni di ore ogni giorno. I dati sono stati appena pubblicati dall’UNICEF in un report che include le prime stime globali sull’impegno delle ragazzine relativo a faccende come cucinare, fare le pulizie, raccogliere acqua e legna da ardere. Ma non solo. È stato anche incluso il conteggio delle attività “meno visibili”. Come accudire un anziano, un altro bambino o altri membri della famiglia. “Questa ineguale distribuzione del lavoro tra i bambini perpetua anche gli stereotipi di genere e il doppio onere per le donne e le ragazze attraverso le generazioni”. Ha dichiarato Anju Malhotra responsabile per UNICEF delle questioni di genere. Il rapporto, che comprende anche i dati sulla violenza, il matrimonio precoce, la mutilazione genitale femminile e l’istruzione, è stato reso noto in vista dell’11 ottobre, la giornata internazionale che le Nazioni Unite consacrano alle bambine.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Se non sono i genitori è la legge a vietare loro la chirurgia estetica

    Vietare agli under-18 gli interventi di chirurgia estetica. Il severo monito arriva dal Consiglio di bioetica inglese allarmato dal boom di operazioni, per futili motivi, persino su minori di appena 8 anni. Una moda causata da almeno tre fattori. Il primo, i videogiochi e le app come Plastic Surgery Princess che, Leggi tutto.

  • La “primina” per i figli non è sempre una buona idea

    Mandare i bambini in primina non è sempre una buona idea. Perché può metterli a rischio stress e depressione negli anni a venire. A dirlo, uno studio dell’Università di Exeter, che ha indagato sulle conseguenze delle iscrizioni premature dei piccoli alla scuola elementare. Dalle analisi e le testimonianze rilasciate da Leggi tutto.

  • La didattica neutra ultima frontiera negli asili svedesi

    Sono poco conosciuti ma hanno già portato i risultati sperati. Parliamo dei cosiddetti asili di genere neutro che la Svezia ha sperimentato per educare le nuove generazioni a rifiutare ogni forma di stereotipo di genere. Secondo un recente studio, i bambini che li hanno frequentati hanno, rispetto alla media, mostrano Leggi tutto.

  • Contro l’astensionismo giovanile li educano a votare fin da piccoli

    È stata ribattezzata la più giovane democrazia al mondo. Parliamo della scuola materna Dolli-Einstein-Haus di Pinneberg, Germania del Nord. Qui sono i piccolissimi studenti (3-5 anni) a scegliere tramite regolari elezioni cosa mangiare e a quali attività partecipare. Le urne si aprono una volta alla settimana per chiedere ai baby-elettori quale Leggi tutto.

  • I prof francesi imparano online a occuparsi degli alunni disabili

    AccessiProf è il sito Internet dedicato a tutti gli insegnanti che in classe hanno un alunno disabile. Ideato in Francia dal CNED (Centro Nazionale per l'Istruzione a Distanza) offre gratuitamente kit didattici digitali. L'obiettivo? Fornire supporto a tutti i professionisti che tra i banchi devono relazionarsi con l’handicap. Consigli, metodologia, Leggi tutto.

  • Insospettabili testimonial convincono piccoli fan a leggere

    Le star del calcio testimonial di una campagna contro l’analfabetismo giovanile. Quasi una provocazione (chi è bravo con i piedi spesso lo è meno a leggere e scrivere), che però in Inghilterra ha portato i risultati sperati. L’iniziativa “Premier League Reading Stars” che ha visto i top player della seria Leggi tutto.