L’asilo nido ti aiuta a non dimenticare tuo figlio in auto

di Roberta Lunghini - 19.06.2017

Si chiama “Scusa se insisto” ed è un nuovo progetto nato per aiutare i genitori a non dimenticare i propri figli in auto. Un’idea che l’Associazione Assonidi Milano ha avuto alla luce del preoccupante aumento, in Italia, degli episodi di Amnesia Dissociativa. Un disturbo che può colpire la mamma o il papà mentre accompagnano il proprio bimbo al nido, che causa la perdita completa delle nozioni del tempo e del ricordo, legata solitamente a eventi traumatici o a un forte stress. La tragica conseguenza è che i piccoli vengono abbandonati in macchina, spesso arrivando alla morte. Il nuovo servizio cerca di arginare un fenomeno così dilagante attraverso un sistema di alert con l’invio da parte dello staff dell’asilo di continui messaggi, preferibilmente via Whatsup, ad entrambi i genitori del bimbo assente senza una preventiva comunicazione. Tutte le strutture del Bel Paese sono invitate ad aderire affinché non si debbano più leggere notizie di casi così drammatici.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Anche il cane delle famiglie indigenti ha diritto al sussidio

    Il Comune di Trieste ha deciso di aiutare i cittadini in difficoltà economica a prendersi cura degli animali domestici. Esiste, infatti, un fondo municipale finalizzato alla concessione di buoni nominali di €30 da spendere per i propri amici a quattro zampe, in particolare per le prestazioni veterinarie. Gli aventi diritto sono Leggi tutto.

  • Chi ha diritto al Reddito di inclusione in Italia

    Cosa prevede il nuovo decreto che introduce, in Italia, il Reddito di inclusione (ReI)? Il documento, approvato in via preliminare da Palazzo Chigi su proposta del Ministro del welfare e in attesa di acquisire i pareri delle commissioni parlamentari competenti, dà attuazione alla legge dello scorso marzo sul contrasto della Leggi tutto.

  • Chi sono e quanti sono i care leavers in Italia

    In Italia, sono circa 3 mila ogni anno i neomaggiorenni obbligati a lasciare le case famiglia dove erano stati accolti. Questi cosiddetti “care leavers”, sono giovani cresciuti senza genitori che, una volta compiuti i 18 anni, non hanno più diritto alla tutela legata allo status di minorenni. Vengono, in questo Leggi tutto.

  • Per i genitori italiani arriva il bonus asilo nido

    In Italia, dal prossimo 17 luglio, il contributo asilo nido diventerà pienamente operativo. A partire da questa data e fino al 31 dicembre di 2017, infatti, i genitori potranno inoltrare la relativa domanda. Il beneficio consiste in un buono annuo di €1.000, erogato con cadenza mensile, il cui scopo è quello Leggi tutto.

  • Quanto spendono gli Stati UE a sostegno della famiglia

    Nel 2014, più di 330 miliardi di euro sono stati spesi nell'Unione europea per il sostegno a famiglie e natalità. Questo rappresenta l'8,6% della spesa pubblica complessiva destinata al sociale, in terza posizione dietro le pensioni (45,9% sul totale della spesa sociale) e sussidi di malattia, assistenza sanitaria e disabilità Leggi tutto.

  • Per i neo papà che lavorano addio al congedo facoltativo

    In Italia, i dipendenti che diventano padri nel 2017 non hanno più diritto ad usufruire del congedo facoltativo. Tuttavia, per loro, resta la possibilità di avvalersi del beneficio nei primi mesi dell’anno in corso in tutti i casi in cui il parto, l’adozione e l’affidamento siano avvenuti nel 2016 (entro Leggi tutto.