L’amore incondizionato di un cane per il padroncino autistico

di Annalisa Lista - 24.02.2016
L’amore incondizionato di un cane per il padroncino autistico
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Nemmeno per un attimo il buon labrador Mahe ha abbandonato il suo padroncino autistico in ospedale durante la risonanza magnetica. Accucciandosi accanto a lui sul lettino per tutta la durata dell’esame. Un caso che ha commosso il web, grazie alle fotografie diffuse in rete proprio dal piccolo neozelandese James Isaac. Addestrato sin da cucciolo, Mahe vigila costantemente sul padroncino, aiutandolo nell’interazione con gli altri e avvisando i familiari del piccolo in caso di pericolo. E non si è risparmiato nemmeno questa volta, tant’è che la fotografa Louise Goossens non ha potuto fare a meno di immortalare il momento.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’inno antivaccinista di una mamma rapper

    Rapper, mamma di un bimbo autistico e antivaccinista. Nel suo ultimo album dal titolo MC (madri coraggio) l’artista francese L'Originale K-Lindsey denuncia le difficoltà di tutte le donne che, come lei, hanno un figlio con un disturbo dello spettro autistico. La solidarietà che si viene a creare tra questi genitori, Leggi tutto.

  • Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

    È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo. Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che Leggi tutto.

  • Inizia la formazione per i giovani ragazzi della “casa di Toti”

    È appena terminato il primo stage di sei giovani disabili presso "La Casa di Toti". L’albergo etico voluto da Muni Sigona, mamma di un ragazzo autistico, attualmente in costruzione a Modica, che vedrà ragazzi con lievi ritardi cognitivi vivere e lavorare, impegnati a gestire un’impresa nel sociale. Intanto, in attesa Leggi tutto.

  • Scoperto perché gli autistici evitano il contatto visivo

    Le persone con autismo spesso evitano il contatto visivo. E gli altri pensano che lo facciano per timidezza, indifferenza, o che sia un segno di disagio sociale. Ma ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno utilizzato scansioni cerebrali di pazienti autistici per sostenere la loro Leggi tutto.

  • Scoperto il perché dell’avversione al tocco nell’autismo

    L’ipersensibilità agli stimoli tattici è alquanto diffusa fra le persone con autismo. Si tratta di un complesso di reazioni di allarme e difensive - che possono manifestarsi anche come aggressività - messe in atto di fronte a stimoli che non sono in realtà minacciosi, come per esempio un abbraccio. Questo Leggi tutto.

  • Con una risonanza si può predire l’autismo già a 6 mesi

    Nei bimbi di appena 6 mesi di vita l’autismo si può predire. Molto prima che si manifestino i primi sintomi di questo disturbo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei neonati con sei Leggi tutto.