La rivoluzionaria biopsia digitale made in Italy

di Annalisa Lista - 16.02.2016

È tutta italiana la rivoluzionaria tecnica della biopsia digitale. Un metodo che permette di scansionare ogni cellula tumorale come se fosse un pixel e di analizzarne ogni singola caratteristica. DEParray – questo il suo nome – è stato messo a punto dai ricercatori della Sylicon Biosystem di Bologna. E permette di analizzare nel minimo dettaglio le alterazioni specifiche delle masse tumorali, con la possibilità di tracciarne i contorni perfetti per isolarle dalle cellule sane. Obiettivo che finora non è stato mai raggiunto con le classiche tecniche. Inoltre, la nuova biopsia consente di esaminare con la massima precisione le caratteristiche genetiche della neoplasia, una funzionalità che apre la strada allo sviluppo di terapie più personalizzate.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’Accademia dei Lincei si schiera a favore dei vaccini obbligatori

    “I vaccini sono l’intervento medico a più basso costo che ha permesso di sconfiggere malattie che provocano disastrose epidemie”. È quanto si legge nel rapporto sul tema recentemente approvato all'unanimità dall'Accademia dei Lincei. Che, con questo documento, si schiera apertamente a favore dell’immunizzazione, mettendo a disposizione della comunità i pilastri Leggi tutto.

  • Un giovanissimo inventa un’Eva che può salvare molte

    Ha appena compiuto 18 anni Julian Rios Cantu ma ha già inventato un dispositivo che potrebbe salvare la vita a molte donne. Si tratta di un reggiseno hi-tech, soprannominato Eva, pensato per diagnosticare i primi sintomi del cancro al seno. Il giovane, di nazionalità messicana, aveva solo 13 anni quando la Leggi tutto.

  • Le volontà negate dei malati di cancro inglesi

    Nel Regno Unito, ogni anno, più di 62mila persone muoiono di cancro in ospedale contro la loro volontà. La maggioranza dei pazienti ad uno stadio terminale, infatti, dichiara di voler passare gli ultimi istanti della propria vita tra le mura domestiche. I dati sono stati raccolti dall’associazione inglese Macmillan Cancer Leggi tutto.

  • In Italia si investe troppo poco nella prevenzione tumori

    In Italia, per prevenire i tumori, si spendono solo €5 miliardi l’anno. Appena il 4,22% della spesa sanitaria totale, contro il tetto programmato stabilito nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) pari al 5%. La denuncia arriva dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), che ha recentemente presentato al Senato il Rapporto Leggi tutto.

  • L’obesità dietro l’aumento dei casi di cancro al rene

    I chili di troppo sono responsabili dell'impennata di cancro al rene tra i sudditi di Sua Maestà, aumentati del 40% nell'ultimo decennio. Secondo i dati dell'organizzazione Cancer Research UK, obesità ed eccesso di peso sono colpevoli di circa 1/4 dei tumori renali. Visto che il numero di coloro che sono Leggi tutto.

  • Cancro, negli Usa diminuisce il tasso di mortalità

    Negli Stati Uniti, tra il 2010 e il 2014, si è osservata una diminuzione del tasso di mortalità legato al cancro in uomini, donne e bambini di tutte le etnie. Tuttavia, ci sono alcuni tumori che ancora spaventano: per gli uomini sono il cancro al fegato, pancreas e cervello, mentre Leggi tutto.