La prima esperienza del “dopo di noi” collettivo

di Ivano Abbadessa - 17.02.2016
La prima esperienza del “dopo di noi” collettivo
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Apre i battenti in Florida un villaggio riservato ai disabili mentali. Nei suoi 22 ettari di boschi, prati e laghetti, adulti con autismo, sindrome di Down e paralisi cerebrale potranno vivere insieme e autonomamente. Potendo scegliere tra una vasta gamma di alloggi a prezzi accessibili con varie camere da letto a seconda che si preferisca vivere da soli, insieme ad altri disabili o con i propri familiari. La cittadella dispone di tutti i principali comfort compresi un centro di formazione, una palestra, una piscina all’aperto, percorsi pedonali nella natura e una mensa. Nonché collegamenti con i trasporti pubblici per permettere a coloro che hanno un lavoro di poterlo raggiungere comodamente. Fino a pochi anni fa considerata l’utopia di qualche visionario assistente sociale, la creazione di questo tipo di comunità rappresenta, secondo autorevoli esperti, il futuro dell’inclusione sociale.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’inno antivaccinista di una mamma rapper

    Rapper, mamma di un bimbo autistico e antivaccinista. Nel suo ultimo album dal titolo MC (madri coraggio) l’artista francese L'Originale K-Lindsey denuncia le difficoltà di tutte le donne che, come lei, hanno un figlio con un disturbo dello spettro autistico. La solidarietà che si viene a creare tra questi genitori, Leggi tutto.

  • Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

    È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo. Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che Leggi tutto.

  • Inizia la formazione per i giovani ragazzi della “casa di Toti”

    È appena terminato il primo stage di sei giovani disabili presso "La Casa di Toti". L’albergo etico voluto da Muni Sigona, mamma di un ragazzo autistico, attualmente in costruzione a Modica, che vedrà ragazzi con lievi ritardi cognitivi vivere e lavorare, impegnati a gestire un’impresa nel sociale. Intanto, in attesa Leggi tutto.

  • Scoperto perché gli autistici evitano il contatto visivo

    Le persone con autismo spesso evitano il contatto visivo. E gli altri pensano che lo facciano per timidezza, indifferenza, o che sia un segno di disagio sociale. Ma ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno utilizzato scansioni cerebrali di pazienti autistici per sostenere la loro Leggi tutto.

  • Scoperto il perché dell’avversione al tocco nell’autismo

    L’ipersensibilità agli stimoli tattici è alquanto diffusa fra le persone con autismo. Si tratta di un complesso di reazioni di allarme e difensive - che possono manifestarsi anche come aggressività - messe in atto di fronte a stimoli che non sono in realtà minacciosi, come per esempio un abbraccio. Questo Leggi tutto.

  • Con una risonanza si può predire l’autismo già a 6 mesi

    Nei bimbi di appena 6 mesi di vita l’autismo si può predire. Molto prima che si manifestino i primi sintomi di questo disturbo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei neonati con sei Leggi tutto.