Il segno della morte sulle sigarette impaurisce i fumatori

di Beatrice Credi - 24.03.2016
Il segno della morte sulle sigarette impaurisce i fumatori
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Stampare direttamente sulla cartina delle sigarette messaggi sui rischi del tabagismo potrebbe contribuire a ridurre drasticamente il fascino del fumo. Un gruppo di scienziati dell’Università di Otago ha, infatti, scoperto che le bionde in colori poco attraenti o con avvertenze sanitarie scritte esplicitamente sopra di esse – note anche come ‘dissuasive sticks’ – aumentano gli effetti delle già utilizzate foto e frasi sugli imballaggi, e contribuiscono così a ridurre il numero dei fumatori. I ricercatori hanno analizzato le reazioni dei partecipanti allo studio a quattro tipi di sigarette che, o presentava frasi ad affetto stampate, o erano di tonalità poco attraenti, per esempio giallo-marrone e verde. La professoressa Janet Hoek ha detto: “Abbiamo visto che chi fuma era significativamente meno propenso a sceglierle e le ha trovate tutte molto meno attraenti rispetto a quelle bianche con filtro marrone attualmente in commercio”. Un grafico che raffigurava i ‘minuti di vita persi’ se si fuma una sigaretta ha avuto il più forte effetto dissuasivo, hanno notato gli esperti.

Pubblicato in Tabagismo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Una sigaretta ogni tanto fa male quanto un pacchetto

    I fumatori occasionali affrontano rischi per la salute del tutto simili a coloro che accendono sigarette ogni giorno. In particolare si tratta di problemi cardiaci e colesterolo. In un nuovo studio, pubblicato sull'American Journal of Health Promotion, un team di ricerca ha testato quasi 40mila partecipanti scoprendo che il 17% Leggi tutto.

  • Quante sono le morti causate dalle sigarette

    Una persona su 10 nel Mondo muore per danni provocati dal fumo. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista scientifica The Lancet, secondo cui metà dei 6,4 milioni di decessi l'anno si concentra in quattro paesi, Russia, Usa, Cina e India. Negli ultimi 15 anni molto è stato fatto nella Leggi tutto.

  • È la frusta che ha messo in riga sul fumo l’Est e il Sud d’Europa

    Le peggiori economie d’Europa hanno le politiche più severe anti-tabacco. Nella speciale classifica UE dei paesi che contro il fumo, fanno di più e meglio svettano, infatti, quelle del Sud e dell’Est. Per una volta la maglia nera spetta, invece, a Germania, Austria e Lussemburgo. A leggere il nuovo rapporto Leggi tutto.

  • Un test del DNA ai fumatori per prevenire il cancro al polmone

    Da oggi contro il cancro ai polmoni c’è un’arma in più.  Con un semplice esame del DNA dei tessuti delle narici, prelevati con un piccolo tampone nasale, sarà possibile individuare se i geni del fumatore sono in grado di svolgere la loro azione preventiva e combattiva del cancro e quindi Leggi tutto.

  • Rinunciano alle sigarette ma non al vizio del fumo

    Il numero di fumatori in Gran Bretagna ha raggiunto il livello più basso dal 1974, anno in cui sono cominciate le prime rilevazioni. Tuttavia, secondo gli ultimi dati dall'Ufficio nazionale di statistica, aumenta contemporaneamente la percentuale di coloro che scelgono le sigarette elettroniche. Se i fumatori sono oggi il 17,2% Leggi tutto.

  • Mozziconi per terra, con i soldi delle multe si comprano i posacenere

    In Italia, con una parte dei soldi raccolti grazie alle multe fatte a chi getta mozziconi di sigaretta per terra, verranno comprati i posacenere. E più precisamente con la metà di tutti i proventi che servirà, appunto, per l’acquisto e l’installazione sul suolo pubblico di appositi raccoglitori da parte dei Leggi tutto.