Il segno della morte sulle sigarette impaurisce i fumatori

di Beatrice Credi - 24.03.2016
Il segno della morte sulle sigarette impaurisce i fumatori
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Stampare direttamente sulla cartina delle sigarette messaggi sui rischi del tabagismo potrebbe contribuire a ridurre drasticamente il fascino del fumo. Un gruppo di scienziati dell’Università di Otago ha, infatti, scoperto che le bionde in colori poco attraenti o con avvertenze sanitarie scritte esplicitamente sopra di esse – note anche come ‘dissuasive sticks’ – aumentano gli effetti delle già utilizzate foto e frasi sugli imballaggi, e contribuiscono così a ridurre il numero dei fumatori. I ricercatori hanno analizzato le reazioni dei partecipanti allo studio a quattro tipi di sigarette che, o presentava frasi ad affetto stampate, o erano di tonalità poco attraenti, per esempio giallo-marrone e verde. La professoressa Janet Hoek ha detto: “Abbiamo visto che chi fuma era significativamente meno propenso a sceglierle e le ha trovate tutte molto meno attraenti rispetto a quelle bianche con filtro marrone attualmente in commercio”. Un grafico che raffigurava i ‘minuti di vita persi’ se si fuma una sigaretta ha avuto il più forte effetto dissuasivo, hanno notato gli esperti.

Pubblicato in Tabagismo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • In Gran Bretagna il fumo seduce sempre meno giovani

    Nel 2016, il 15,8% dei britannici fumava, una percentuale in calo rispetto al 17,2% dell'anno predente. Un fenomeno particolarmente interessante e incoraggiante se si tiene presente che questo ripido calo è stato maggiore nei giovani tra 18 e 24 anni. Se nel 2010, infatti, il 26% di coloro che rientravano Leggi tutto.

  • L’orsetto Ector fa la spia se papà accende una sigaretta

    Ector è il primo peluche al mondo che difende i bimbi dal fumo passivo. Ogni volta che ne avverte la presenza, infatti, questo orsetto inizia a tossire incessantemente. Con l’obiettivo di attirare l’attenzione dei genitori sui danni che consumando sigarette arrecano alla salute dei figli. Il progetto, lanciato in occasione della Giornata Leggi tutto.

  • Attenzione alle e-cig: danneggiano persino il DNA

    Le e-cig provocano danni al DNA delle cellule del sangue. Si tratta di alterazioni che possono concorrere allo sviluppo del cancro. È questa la più allarmante scoperta di un’indagine tossicologica guidata dal Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie dell’Università di Bologna, recentemente pubblicata sulla rivista scientifica Nature. Gli studiosi mettono in Leggi tutto.

  • Quante persone muoiono di cancro al polmone ogni anno in Europa

    Nel 2014, 272 mila europei sono morti a causa del tumore al polmone, ovvero il 21% di tutti i decessi correlati al cancro. In generale, la popolazione di sesso maschile è più colpita (185 mila morti) rispetto a quella femminile (87 mila). Tra i paesi europei quello con la percentuale Leggi tutto.

  • Il fumo è un vizio da poveri

    Nel mondo, sono circa 226 milioni i tabagisti che vivono in condizioni di povertà. Una situazione ancora più grave nei Paesi in via di sviluppo, dove, in molti casi, il 10% delle entrate familiari se ne va in fumo. I dati sono stati diffusi dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), in Leggi tutto.

  • Una sigaretta ogni tanto fa male quanto un pacchetto

    I fumatori occasionali affrontano rischi per la salute del tutto simili a coloro che accendono sigarette ogni giorno. In particolare si tratta di problemi cardiaci e colesterolo. In un nuovo studio, pubblicato sull'American Journal of Health Promotion, un team di ricerca ha testato quasi 40mila partecipanti scoprendo che il 17% Leggi tutto.