Il litio potrebbe prevenire i suicidi

di Paola Battista - 28.06.2013
Il litio potrebbe prevenire i suicidi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Il litio può dimostrarsi efficace nel ridurre i casi di suicidio in persone con disturbi dell’umore. Lo afferma lo studio pubblicato nel British Medical Journal, condotto dai ricercatori del Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità dell’Università degli Studi di Verona e del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Oxford. Che hanno coinvolto 6.674 partecipanti in analisi volte a confrontare l’efficacia del litio, rispetto al placebo e ad altri farmaci attivi tradizionalmente utilizzati nel trattamento a lungo termine dei disturbi depressivi unipolari e bipolari. I risultati dimostrano che il litio proteggerebbe contro il rischio di suicidio, risultando più efficace del 60% rispetto al placebo nel ridurre il numero di pazienti che si tolgono la vita. Mentre, rispetto al placebo, non sarebbero stati osservati chiari benefici della sostanza nel prevenire l’autolesionismo volontario. Diminuendo l’aggressività e l’impulsività dei pazienti con disturbi psichiatrici, il nuovo trattamento potrebbe mediare le loro tendenze suicide, dimostrandosi efficace a lungo termine.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Così le invita a non vergognarsi della psoriasi in spiaggia

    Smettetela di rinunciare ad andare a mare per colpa della psoriasi. E’ lo slogan della campagna di sensibilizzazione Show Me More of You promossa da Dara Torres, cinque volte campionessa olimpica nel nuoto, oggi cinquantenne, affetta da questa malattia della pelle, che solo negli USA colpisce 7,5 milioni di pazienti. Leggi tutto.

  • Fa discutere l’alternativa ai farmaci dei deputati inglesi

    Corsi di pittura e poesia al posto delle classiche terapie a base di medicinali. È quanto consigliato nel Regno Unito dal Gruppo parlamentare sulle arti, la salute e il benessere. Che, in un dettagliato report invita il Sistema Sanitario Nazionale ad implementare gli ‘arts-on-prescription‘, cioè la prescrizione, per curare determinate Leggi tutto.

  • Nel mondo sono sempre meno le infezioni da HIV

    Cala nel mondo il numero di nuove infezioni da HIV: 1,8 milioni nel 2016 contro 2,1 nel 2015. A diffondere la notizia positiva, l’organizzazione Onu Unaids nel suo ultimo rapporto. Nel quale si evidenziano i diversi progressi fatti nel prevenire e curare la malattia. Tra il 2015 e il 2016, Leggi tutto.

  • Perché non curano le over-70 con il cancro al seno

    Pazienti di serie B. È così che vengono trattate la maggioranza delle over-70 inglesi affette da cancro al seno. Pur rappresentando oltre 1/3 delle pazienti affette da questa patologia, a loro, in violazione delle linea guida del Sistema Sanitario Nazionale, è, spesso, negata sia la chemioterapia che la mastectomia. A denunciarlo Leggi tutto.

  • Nel Regno Unito si sopravvive meno al tumore

    Anche Romania, Lettonia e Grecia superano l'Inghilterra quando si tratta di diagnosticare e curare il cancro. Secondo una recente ricerca, a eccezione del melanoma, i tassi di sopravvivenza dopo cinque anni per i pazienti adulti diagnosticati con altri nove tipi di cancro tra il 2000 e il 2007 erano inferiori Leggi tutto.

  • Gli straordinari rendono il cuore debole

    Lavorare più di 55 ore a settimana aumenta il rischio di sviluppare gravi problemi cardiaci del 40%. Era già noto che i turni lunghi aumentassero il rischio di ictus, ma il legame con i problemi del ritmo cardiaco - conosciuto con il termine medico di fibrillazione atriale - erano sconosciuti. Leggi tutto.