I saggi Nobel dicono no al proibizionismo sulle droghe

di Ivano Abbadessa - 16.02.2016
I saggi Nobel dicono no al proibizionismo sulle droghe
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Contro le droghe il proibizionismo ha fallito. Meglio valutare strategia alternative. È questa la conclusione a cui giungono esperti internazionali in un rapporto pubblicato a Londra dalla London School of Economics. Lo studio esce alla vigilia della riunione prevista per aprile alle Nazioni Unite, che affronterà le politiche globali per il controllo delle sostanze stupefacenti. “La comunità internazionale ha dato priorità a misure proibizioniste” che hanno comportato un “costo socio-economico terribile” – si legge nel documento che ha ricevuto l’appoggio, tra gli altri, del presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, e ben cinque premi Nobel.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • I giovani italiani tra i maggiori consumatori di cannabis

    L'Italia è seconda in Europa per consumo di cannabis tra i giovani. Il 19% dei ragazzi del Bel Paese, infatti, ha fatto uso di marijuana nel corso degli ultimi dodici mesi, si tratta di una percentuale inferiore solo a quella della Francia, che ha registrato il 22,1% di consumo nella Leggi tutto.

  • Sempre più spagnoli scelgono la cannabis

    Cresce il consumo di cannabis in Spagna. Il 9,5% della popolazione tra 15 e 64 anni, infatti, ammette di aver consumato marijuana nell'ultimo anno. Erano il 9,3% nel 2013. Inoltre, il 2,1% dice di fumare erba tutti i giorni. Il profilo del consumatore iberico è quello di un maschio (74%) Leggi tutto.

  • La marijuana light legale arriva anche in Italia

    Si chiama Easyjoint e si tratta della prima cannabis a basso contenuto di THC e naturalmente ricca di CBD rigorosamente made in Italy. Recentemente presentata alla fiera internazionale della canapa tenutasi a Casalecchio di Reno (Bologna), è acquistabile comodamente online e, pur non essendo vietata, viene consegnata in un pacco anonimo. Leggi tutto.

  • Funghi allucinogeni e cannabis le droghe più sicure

    I funghi dalle caratteristiche psicoattive sono una delle droghe ricreative più sicure al mondo. Lo rivela l'edizione 2017 del Global Drug Survey, secondo il quale solo lo 0,2% di coloro che hanno assunto questa sostanza ha avuto bisogno di un trattamento medico di emergenza. Una percentuale di gran lunga inferiore Leggi tutto.

  • Test anti-droga problema n°1 del mercato del lavoro USA

    Consumano droghe perché sono disoccupati. Non li assumono perché consumano droghe. È questa la trappola in cui si trova un numero record di senza lavoro americani. A denunciarlo, secondo una recente ricerca di Quest Diagnostics, sono moltissimi titolari d’impresa che cercano ma non trovano dipendenti “puliti”. Molti candidati superano, infatti, Leggi tutto.

  • Chi fuma marijuana è meno incline ad andare all’università

    Gli studenti che cominciano a fumare marijuana al liceo hanno voti più scarsi e meno voglia di iscriversi all’università. A sostenerlo, uno studio dell’Università dei Waterloo che ha indagato sugli effetti della sostanza sul rendimento dei teenager. Secondo gli esperti, la marijuana, se assunta prima dei vent'anni, ossia prima del Leggi tutto.