I disabili festeggiano la sessualità con un’orgia happening

di Annalisa Lista - 11.06.2015
I disabili festeggiano la sessualità con un’orgia happening
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Un’orgia per disabili contro lo stereotipo che li vuole incapaci di avere una vita sessuale normale. Un’iniziativa forte e singolare voluta da due consulenti canadesi per portatori di handicap, Andrew Morrison-Gurza e Stella Parikarova. La speciale serata, che avrà luogo il 14 agosto, sarà organizzata a Toronto presso il Buddies in Bad Time Theatre. Solitamente adibito a eventi alternativi e provocatori. L’evento, aperto a tutti, disabili e non, è in maschera, per garantire la privacy dei partecipanti. Ma il nudo integrale è ammesso, per chi non ha remore. Diversi gli spettacoli previsti, dall’esibizione musicale allo strip-tease. Con l’aiuto di assistenti, interpreti in lingua dei segni, volontari per godere appieno di un’occasione unica. Il party, sponsorizzato attraverso l’hashtag #deliciouslydisabled, si è avvalso di un testimonial d’eccezione. Che, per l’occasione, ha realizzato un imperdibile videoclip.

Pubblicato in Disabili e sessualità.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Racconta con ironia come vive la sessualità da disabile

    Non voleva rinunciare al sesso per colpa della sua disabilità. E così, sfidando mille tabù e armandosi del suo spiccato humour, è riuscita a mantenere la promessa fatta a se stessa. Stiamo parlando della scrittrice Barbara Galaschelli, che racconta, in maniera molto leggera e ironica, il suo percorso di iniziazione sessuale Leggi tutto.

  • Vi racconto come ci innamoriamo noi gay disabili

    Sesso, disabilità, omosessualità. Nell’immaginario comune, sono tre parole che non vanno d’accordo. A smontare il falso mito che un disabile, magari gay, non possa andare alla ricerca dell'amore, un divertente video girato dall’associazione bolognese Jump Oltre, che difende i diritti dei disabili LGBT. Protagonista di spicco della clip è il Leggi tutto.

  • Il loro sarà un San Valentino dell’altro mondo

    Questo San Valentino è dedicato a una storia d’amore un po’ speciale. Quella tra Hélène e Laurence, lesbiche e disabili. Una ha riportato un grave handicap a seguito di un incidente stradale, mentre l’altra ha subito importanti danni cerebrali dopo un problema cerebrovascolare all’età di 20 anni. In coppia dal Leggi tutto.

  • Come innamorarsi senza nascondere la propria disabilità

    Glimmer è la prima app di dating online che non nasconde la disabilità dei suoi utenti. In quelle sul mercato attualmente, Tinder in primis, includere il proprio handicap tra le informazioni del profilo è, infatti, impossibile. Dal formato delle immagini che spesso non permette la figura intera, e quindi la Leggi tutto.

  • Toccare senza vedere consente loro di apprezzare il sesso

    Speciali modelli anatomici 3D per insegnare l’educazione sessuale ai ciechi. Non si tratta di protesi, bensì di una serie di 18 fedeli riproduzioni degli organi sessuali maschili e femminili in diversi stati di eccitazione. Che consentono agli studenti di “sentire”, attraverso il tatto, i cambiamenti del corpo. Innovativi strumenti didattici realizzati dall’associazione Leggi tutto.

  • Gli assistenti sessuali hanno molti e spesso insospettati nemici

    È grazie a Maximiliano Ulivieri se in Italia parlare di assistenti sessuali non è più un tabù. Visto che per primo, col progetto Lovegiver, si è impegnato per il formale riconoscimento  di questa “speciale” figura professionale.  1) Come si fa a diventare assistenti sessuali in Italia? È difficile perché è una professione Leggi tutto.