I deputati di origine straniera nei diversi paesi UE

di Ivano Abbadessa - 18.02.2016

La presenza dei deputati di origine straniera nei diversi parlamenti europei dipende, in gran parte, dalla storia dell’immigrazione delle singole nazioni. In Spagna, dove gli immigrati sono l’11% dei residenti, solo l’1% degli onorevoli ha un background migratorio. In Grecia la stessa proporzione è di 8% a 1%. Mentre in Italia di 6% a 2%. Dall’altro lato della classifica si trovano le nazioni che, grazie a una più antica tradizione migratoria,  vantano un maggiore livello di inclusione. È il caso dell’Olanda, dove nelle elezioni del 2010 il 13% degli eletti era naturalizzato o figlio di stranieri. Nel Regno Unito, nello stesso anno, l’11% dei seggi alla Camera dei Comuni è andata a cittadini di origine immigrata. Nel mezzo si piazzano Francia, Belgio e Germania, la cui percentuale di deputati con sangue straniero varia dal 3% al 7%. I dati provengono da un progetto cui lavorano alcune università europee che studiano il grado di inserimento degli immigrati attraverso a loro rappresentazione nei parlamenti nazionali.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Cinque curiosità sugli immigrati regolari in USA

    Negli Stati Uniti, su 44,7 milioni di immigrati, ben 33,8 sono regolari. A rivelare la cifra, il Pew Research Center, che ha evidenziato cinque fatti su questo segmento di stranieri in occasione della maxi riforma sull’immigrazione cui il Presidente Trump ha dato il via nelle ultime ore. 1) Ogni anno, un Leggi tutto.

  • Negli USA anche se non sai l’inglese ti danno la cittadinanza

    Più del 30% dei cittadini americani di origine immigrata non sa né leggere né scrivere in inglese. Cosa che spesso ne ostacola il processo di integrazione sociale ed economica. È quanto emerge dall’ultimo  rapporto del Center for Immigration Studies. Che, analizzando le competenze linguistiche di un vasto campione di stranieri che hanno Leggi tutto.

  • Il piano May contro gli immigrati, italiani compresi

    Mentre l’Italia si divide sulla concessione della cittadinanza ai figli degli immigrati, l’Inghilterra, invece, pensa di usare le forbici. Anche con gli emigrati italiani. E’ questo il salatissimo prezzo che la perfida Albione, dopo Brexit, punta a far pagare ai nostri connazionali e ai tanti cittadini UE residenti Oltremanica. La Leggi tutto.

  • Non amare gli immigrati è legittimo, prendersela con i bambini no

    In democrazia litigare per errore è sempre sbagliato. Perché, come ad esempio è accaduto in questi giorni per la modifica delle norme sulla cittadinanza ai figli degli immigrati, anziché far capire al comune cittadino cosa si discute e come stanno le cose, si finisce solo per confonderlo ed allarmarlo. Un Leggi tutto.

  • È ufficiale, le culle vuote non le riempiono gli immigrati

    La popolazione italiana continua a diminuire. Dopo lo storico calo registrato lo scorso anno, l’Istat torna a certificare un nuovo decremento. Il totale nel 2016 si attesta a 60.589.445 persone (di cui oltre 5 milioni di origine straniera), con un saldo negativo, per 76.106 unità, determinato dalla flessione del numero Leggi tutto.

  • Boom di nuovi cittadini in Italia

    Il 2016 è stato un nuovo anno record per quanto riguarda le acquisizioni di cittadinanza in Italia. Sono state, infatti, 205mila. Un numero che ha registrato continui aumenti: si è passati da 29mila nel 2005, a 66mila nel 2010 e a 100mila nel 2013. Da qui in avanti la crescita Leggi tutto.