Gridano “MaBasta” e ai bulli fischiano le orecchie

di Beatrice Credi - 15.02.2016
Gridano “MaBasta” e ai bulli fischiano le orecchie
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

“MABASTA!” non è solo un’esplicita esclamazione, ma anche un acronimo che sta per “Movimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti”. Cioè il primo movimento anti bullismo animato da studenti adolescenti di 14/15 anni nato dal basso. Sono stati, infatti, le studentesse e gli studenti della classe 1°A dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce a darsi da fare e impegnarsi in prima persona per almeno tentare di contrastare questo fenomeno. Dando vita a questo nuovo progetto i ragazzi si propongno di creare una sorta di associazione informale di tutti quei giovanissimi che, come loro, non accettano e non sopportano le azioni da “bulle” e da “bulli”. Hanno creato un logo e aperto una pagina Facebook, stanno lavorando alla realizzazione e pubblicazione di un sito internet autoprodotto e hanno lanciato una prima campagna fatta di piccoli video-spot e fotografie realizzati in proprio, in cui ci mettono la faccia nel dire “Ma basta!”.

Pubblicato in Bullismo e violenza.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La verità sul fenomeno del Blue Whale in Italia

    Solo il 5% delle 170 segnalazioni raccolte in Italia relativamente al Blue Whale, riguarda ipotesi di reato. Quali istigazione al suicidio o procurato allarme. È quanto riferito dal Ministro dell’interno intervenendo al Question Time di ieri alla Camera dei Deputati, su questo fenomeno divenuto tristemente conosciuto, che mira a coinvolgere Leggi tutto.

  • La legge contro il cyberbullismo spiegata dagli youtubers

    In Italia, è entrata in vigore da pochi giorni la legge contro il cyberbullismo. Per questa occasione, gli youtubers La Sabri Gamer, Giulia Penna, Jack Nobile, Cesca e Klaus con il loro video hanno aderito a #Cyberesistance. La campagna sviluppata da Web Stars Channel in collaborazione con il Professor Bernardo, Leggi tutto.

  • Dalla Polizia arriva il tasto “Stop Blue Whale”

    Prosegue senza sosta la lotta della Polizia italiana contro il Blue Whale. La pericolosa sfida che viene proposta in Rete a ragazzi giovanissimi con l’intento di manipolare la loro volontà e suggestionarli a tal punto da indurli a commettere atti di autolesionismo fino ad arrivare persino al suicidio. Dopo i Leggi tutto.

  • È Instagram il social network più pericoloso per i teenager

    È Instagram il social network che causa più problemi di autostima e depressione tra gli adolescenti. A dirlo, l’inglese Royal Society for Public Health, che ha stilato la classifica delle cinque piattaforme web di condivisione di foto, video e messaggi più minacciose per la salute mentale dei ragazzi. Secondo gli Leggi tutto.

  • I consigli della Polizia per difendere i vostri figli dal Blue Whale

    Parlate con i vostri figli del Blue Whale e cercate di far loro esprimere un’opinione in merito. È questo uno dei consigli della Polizia di Stato italiana alle mamme e ai papà del Bel Paese, per aiutarli a comprendere e contrastare questa orrenda pratica, nata in Russia e creata apposta Leggi tutto.

  • A scuola l’iperattività si placa disegnando fumetti

    Disegnare fumetti in classe per calmare ansia, aggressività, rabbia, scatti d’ira. È l’approccio sperimentato con successo nella scuola superiore Urban Assembly Bronx Academy of Letters, situata nelle difficili periferie di New York, con gli studenti con bisogni educativi speciali – autismo, problemi di salute e di famiglia, iperattività – per Leggi tutto.