Gli immigrati irregolari trovano più lavoro degli americani

di Ivano Abbadessa - 24.03.2016
Gli immigrati irregolari trovano più lavoro degli americani
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Negli USA c’è più lavoro per i clandestini che per gli autoctoni. Tant’è che tra i primi il tasso di occupazione è dell’86,6% contro il 73,9% dei secondi. A tracciare i contorni di un fenomeno poco noto ai più è una recente, dettagliatissima indagine dell’Università di Harvard. Che, numeri alla mano, analizza trend, dinamiche e scenari sul rapporto tra gli immigrati illegali e il mercato del lavoro statunitense. Uno studio che, secondo gli esperti, è destinato a influenzare le decisioni dei policy maker d’Oltreoceano nei confronti dei circa 12 milioni di stranieri irregolari che attualmente risiedono negli Stati Uniti.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Qui i rifugiati non si girano i pollici ma lavorano

    Sull’integrazione lavorativa dei rifugiati, la Danimarca fa scuola.  Visto che, rispetto all’anno precedente, nel 2016 è addirittura raddoppiato il numero di profughi di età compresa tra 18 e 59 anni con un contratto di lavoro. Tanto che oggi a livello nazionale il tasso di occupazione dei rifugiati supera il 15%. Leggi tutto.

  • Immigrazione: così è se vi pare

    Chiarire le ragioni per le quali l’immigrazione è il cavallo di battaglia della destra populista e perché su di essa, senza capirsi, gli studiosi continuano ad accapigliarsi, è difficile ma non impossibile. Basta, ad esempio, mettere a confronto le deduzioni che il  Mckinsey Global Institute (MGI) trae dalla ricerca “People On Leggi tutto.

  • Chiudono i negozi e aumentano le bancarelle degli immigrati

    Sono sempre di più le bancarelle degli stranieri in Italia. Il cui numero, in 4 anni, ha registrato un aumento di quasi il 30%. La capitale del Bel Paese per quanto riguarda il commercio itinerante è Napoli. È quanto emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere - InfoCamere sui dati del Leggi tutto.

  • L’agricoltura italiana torna a sorridere grazie agli immigrati

    Non solo braccianti, ma anche titolari d’azienda. Gli immigrati extra-UE sono ormai protagonisti a 360 gradi dell’agricoltura italiana: 12 mila capitani d’impresa e 128 mila i lavoratori dipendenti (che si aggiungono ai 192 mila stranieri comunitari). Una galassia di nuovi arrivati che, secondo l’ultimo rapporto CIA-Agricoltori italiania, tra oneri fiscali Leggi tutto.

  • Quanti sono gli imprenditori immigrati in Emilia-Romagna

    In Emilia-Romagna continuano ad aumentare gli immigrati titolari di impresa. Il loro numero, in 10 anni (dal 2005 al 2015), è addirittura quadruplicato. Passando da 10mila a oltre 37mila, pari al 15,8% del totale regionale. Una percentuale superiore a quella nazionale che si ferma al 13,5%. Per quanto riguarda il Leggi tutto.

  • Più posti di lavoro per gli agricoltori immigrati

    Aumentano, in Italia, le quote previste dal decreto flussi e riservate al settore agricolo. Che passano da 13.000 del 2016 a 17.000 del 2017 per gli ingressi stagionali, e da 4.600 dello scorso anno alle 5.750 di quest’anno per le conversioni dei permessi per lavoro stagionale in permessi di soggiorno Leggi tutto.