Gli artigiani del software siciliano conquistano la Grande Mela

di Silvana Calcagno - 21.03.2014
Gli artigiani del software siciliano conquistano la Grande Mela
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Un’azienda tra le colline siciliane, EdisonWeb. Un gruppo di giovani imprenditori italiani. Un team che si sta rivelando invincibile grazie alla miscela di innovazione e sostenibilità che propone per dare vita ad un nuovo modello di mobilità. È il racconto di Luca Naso, CTO della software house EdisonWeb che, dopo una formazione d’eccellenza e un brillante inizio di carriera in giro per il mondo, ha scelto di rientrare in Sicilia fiutando le potenzialità di un’azienda che ha voglia di superare i propri limiti.

Si definiscono ‘artigiani del software’ le menti di EdisonWeb, “perché – spiega Luca – nel fare le cose ci mettiamo la stessa cura e passione di un artigiano che vuol creare con le proprie mani, la stessa calma nella ricerca della perfezione di un maestro zen. Siamo makers, quelli che fanno, che si sporcano le mani per raggiungere il risultato ideale”.

E piano piano, ma anche con incredibile slancio, la piccola azienda siciliana sta conquistando l’Italia, l’Europa e, non sembra esagerato dirlo, il mondo. Sono partiti dal taxi advertisement, un’ingegnosa piattaforma per poter personalizzare la comunicazione all’interno dei taxi, e quindi ottimizzarne il servizio. Un’idea talmente intelligente da essere stata adottata a New York. “L’interesse per la sostenibilità, poi, è venuto fuori in itinere – continua – e da un progetto di marketing siamo passati ad un sistema per rendere sempre più efficiente e sostenibile la mobilità pubblica. La sfida è riuscire ad abbattere il prezzo del trasporto, offrendo però un servizio migliore agli utenti”.

Come? Con i Microbus, dei veicoli a metà tra l’autobus e il taxi, che percorrono delle linee fisse, ma sono collegati a un sistema satellitare di geolocalizzazione che li rende flessibili rispetto alle esigenze di trasporto urbano, veloci e a basso costo. “Lo scopo è quello di decongestionare le strade delle grandi città, apportando notevoli vantaggi”, spiega Luca. L’intero progetto è sostenibile da un punto di vista economico per chi utilizza il servizio e da un punto di vista ambientale perché si prevede l’utilizzo di veicoli a bassissima emissione. Le strade meno trafficate, inoltre, diventerebbero più sicure, e i mezzi di trasporto verrebbero affidati solo a personale qualificato. Infine, il progetto produce lavoro: i conducenti dei Microbus diventano microimprenditori, che non dipendono da qualcuno, ma decidono di scommettere sul progetto, mettendo a disposizione il loro veicolo.

L’innovativa idea di EdisonWeb ha trovato partner internazionali e molti consensi, ed è stata presentata di recente per accedere ai finanziamenti del programma europeo, Horizon 2020. Un importante traguardo per chi – come Luca – afferma che “un imprenditore ha dentro un fuoco che lo spinge ad andare avanti. Bisogna continuare sempre ad alimentare quel fuoco e a seguire le proprie passioni e, con molto impegno e lavoro sodo, i risultati si ottengono”.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Tra i giovani il ritocchino non è più prerogativa femminile

    Giovani, rampanti e affezionati al ritocchino. Questo è il ritratto dei Millennials maschi americani. Che, secondo una ricerca dell’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery, sarebbero sempre più propensi a finire sotto i ferri del chirurgo estetico. Tra tutti gli uomini intervistati che hanno dichiarato di voler migliorare il Leggi tutto.

  • Consigli per la Maturità di una ragazza pagella d’oro

    Carlota Monedero ha appena superato a pieni voti la Maturità e sa già cosa fare da grande: dedicarsi alla ricerca scientifica per aiutare le persone come lei. A questa giovane diciottenne spagnola è stata diagnosticata la sindrome di Marfan. Una malattia rara che le causa problemi al cuore, alla vista, Leggi tutto.

  • L’innovazione è servita grazie a Startup in famiglia

    Startup in famiglia è il nome della nuova iniziativa di Heroes, meet in Maratea, il primo festival su futuro e impresa dell’euro-mediterraneo. Realizzata in collaborazione con Gnammo, principale piattaforma italiana di social eating, e con la community di Instagramers Italia, prevede oltre 70 cene dedicate alle startup più promettenti del Leggi tutto.

  • Aumentano gli immigrati che dall’Italia se ne tornano a casa

    Aumentano i giovani italiani e gli immigrati che lasciano il Belpaese. I primi, tra il 2008 e il 2015, hanno superato quota mezzo milione. Germania, Regno Unito e Francia sono in cima alle mete preferite dai nostri ragazzi per andare a studiare e lavorare all’estero. Ma non sono solo gli autoctoni Leggi tutto.

  • Secondo gli imprenditori i robot non rubano il lavoro

    Non saranno i robot a toglierci i posti di lavoro. Anzi, li aumenteranno. A sostenerlo, una ricerca condotta da Manpower Group su un campione di 16 mila capitani d’azienda di 43 paesi, presentata a Davos durante il World Economic Forum 2017. L’83 % degli imprenditori ritiene che l’ingresso nel mercato del Leggi tutto.

  • I robot nel mondo del lavoro non colpiscono a caso

    Con i robot non tutti perderanno il lavoro. Sarà per lo più la manodopera maschile scarsamente qualificata la vittima di quella disoccupazione tecnologica, che Keynes aveva previsto quasi un secolo fa. A sostenerlo l’ultimo rapporto della società consulenza inglese PWC. Secondo la quale, nel Regno Unito, il 30% delle professioni Leggi tutto.