Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale

di Annalisa Lista - 01.03.2016
Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Raccontare il cohousing intergenerazionale attraverso un film. Lo ha fatto, in maniera divertente e leggera, il regista francese François Desagnat in Adopte un veuf (“Adotta un vedovo”) in uscita nelle sale d’Oltralpe il 20 aprile. La trama è semplice ed efficace. Il vecchio Hubert, vedovo da poco, ha perso la gioia di vivere. E finisce per trascorrere intere giornate nella sua grande casa, da solo, davanti alla TV. Finché, un giorno, per puro caso, si ritrova a ospitare una giovanissima studentessa. Cui si aggiungono, nelle settimane successive, un’infermiera e un avvocato in cerca di alloggio. L’insolita convivenza, pur sconvolgendo i ritmi di vita di tutti, arricchirà le due generazioni. Facendo ritrovare la gioia di vivere a Hubert e offrendo importanti lezioni di vita a Manuela, Marion e Paul. Una commedia che racconta, da un lato, la solitudine degli anziani e, dall’altro, le enormi difficoltà, oggi, per i giovani, di avere una casa tutta per sé.

Pubblicato in Invecchiamento attivo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Il genio 94enne che ha smentito Mark Zuckerberg

    A novantaquattro anni suonati anche John Goodenough potrebbe finalmente vincere il Nobel. Grazie ad una ennesima, straordinaria invenzione: la batteria allo stato solido. Che per la durata ed il basso costo della potenza è destinata a soppiantare non solo quella agli ioni, da lui stesso brevettata nel 1980 e che Leggi tutto.

  • C’è un lutto che nascondono per vergogna

    Anche da anziane la morte del partner può essere un lutto sessuale. Poche lo confessano, ma sono tante le vedove che persino in età avanzata soffrono la mancanza dei rapporti fisici consumati con l’amore di una vita. Lo sa bene la neuropsichiatra 75enne Alice Radosch, che ha perso il marito Leggi tutto.

  • Il sesso a 80 anni è tutta un’altra cosa

    Il sesso meglio a 80 anni che a 50. Lo sostiene un vasto studio dell’Università di Manchester. Che nell’intervistare un campione di circa 7.000 persone dai 50 anni in su, ha osservato che l’attività sessuale non sparisce affatto con l’età e che la sua qualità aumenta, anziché diminuire. Tant’è che Leggi tutto.

  • La laureata più anziana del mondo ha 94 anni

    Invece di guardare la TV, alla veneranda età di 94 anni si è messa a studiare, riuscendo a laurearsi a pieni voti. Stiamo parlando dell’hawaiana Amy Craton, madre di quattro figli e nonna di 12 nipoti, che ha deciso di sfruttare gli ultimi anni della sua vita studiando scrittura creativa, Leggi tutto.

  • Meglio su Youporn che in casa di riposo

    Con la pensione c’è chi si “appantofola” e chi no. Me ne sono convinta quando il mio amico Fabio mi ha rivelato che, aggiustando il computer dello zio ultrasettantenne, ha trovato un sacco di film porno. L’arzillo vecchietto, infatti, sempre allegro e attivo, ama la vita e se la gode. Leggi tutto.

  • Curando i nipoti attivano una molecola allunga vita

    Fare da babysitter ai nipoti allunga la vita. A dirlo un maxi studio tedesco appena apparso sulla rivista Evolution and Human Behavior, condotto per 19 anni su un campione di centinaia di over 70 berlinesi. Tra questi, i nonni che si prendevano cura dei bambini correvano il 37% di rischio di morte in meno Leggi tutto.