Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale

di Annalisa Lista - 01.03.2016
Dall’housing sociale al cohousing intergenerazionale
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Raccontare il cohousing intergenerazionale attraverso un film. Lo ha fatto, in maniera divertente e leggera, il regista francese François Desagnat in Adopte un veuf (“Adotta un vedovo”) in uscita nelle sale d’Oltralpe il 20 aprile. La trama è semplice ed efficace. Il vecchio Hubert, vedovo da poco, ha perso la gioia di vivere. E finisce per trascorrere intere giornate nella sua grande casa, da solo, davanti alla TV. Finché, un giorno, per puro caso, si ritrova a ospitare una giovanissima studentessa. Cui si aggiungono, nelle settimane successive, un’infermiera e un avvocato in cerca di alloggio. L’insolita convivenza, pur sconvolgendo i ritmi di vita di tutti, arricchirà le due generazioni. Facendo ritrovare la gioia di vivere a Hubert e offrendo importanti lezioni di vita a Manuela, Marion e Paul. Una commedia che racconta, da un lato, la solitudine degli anziani e, dall’altro, le enormi difficoltà, oggi, per i giovani, di avere una casa tutta per sé.

Pubblicato in Invecchiamento attivo.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Scoperto come rallentare l’invecchiamento dell’occhio

    Un nuovissimo trattamento ha permesso per la prima volta di ridurre in modo significativo la progressione della degenerazione maculare. Si tratta della principale causa di cecità dopo i 60 anni e colpisce circa cinque milioni di persone in tutto il mondo. Secondo i risultati di uno studio clinico pubblicato sulla Leggi tutto.

  • Quello che i 19enni di oggi hanno in comune con gli anziani

    Gli adolescenti di oggi fanno attività fisica quanto una persona anziana. I ricercatori della Johns Hopkins School of Public Health di Bloomberg hanno, infatti, scoperto tassi di movimento "incredibilmente bassi" nei teenager e hanno dichiarato che erano di gran lunga inferiori rispetto al previsto. La scoperta più sorprendente è che Leggi tutto.

  • Va bene la ginnastica ma qui sono i cromosomi che contano

    Si chiama Johanna Quaas l’icona mondiale dell’invecchiamento attivo. Per questa 92enne tedesca, esercizi sulla trave, piroette e volteggi sono un gioco da ragazzi. Sicura ed elastica come una liceale, ha lasciato di stucco migliaia di spettatori dopo essersi esibita, come ospite d’onore, al prestigioso Festival della Ginnastica di Berlino che si è Leggi tutto.

  • Dai ricercatori inglesi uno strano appello ai medici di base

    Per garantire ai pazienti over-65 un invecchiamento attivo i medici dovrebbero prescrivere non farmaci ma un amico a quattro zampe. A sostenerlo un vasto studio inglese appena pubblicato sulla rivista BMC Public Health. I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver monitorato i movimenti di un campione di volontari sia uomini che Leggi tutto.

  • I siti d’incontri ora puntano sugli over 50

    Un sito d’incontri ad hoc per over 50 in cerca di nuovi amori. È questa l'ultima estensione di Meetic appena lanciata in Francia. Si chiama Disons Demain e offre la possibilità a uomini e donne separati, divorziati, vedovi o anche scapoli e nubili incalliti di (ri)trovare l’anima gemella. Ma non Leggi tutto.

  • Il genio 94enne che ha smentito Mark Zuckerberg

    A novantaquattro anni suonati anche John Goodenough potrebbe finalmente vincere il Nobel. Grazie ad una ennesima, straordinaria invenzione: la batteria allo stato solido. Che per la durata ed il basso costo della potenza è destinata a soppiantare non solo quella agli ioni, da lui stesso brevettata nel 1980 e che Leggi tutto.