Così anche il teatro non è più off limits per i sordi

di Nicola Dotto - 19.02.2016
Così anche il teatro non è più off limits per i sordi
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per i sordi residenti in Serbia è scattato il conto alla rovescia. Il 29 febbraio, nella città di Zvezdara, potranno assistere, per la prima volta nella storia del paese balcanico, a una commedia tradotta simultaneamente nella lingua dei segni. Apprezzandone trama e allestimenti. Come sottolinea il direttore artistico: ”Il teatro è vedere e ascoltare, e le emozioni che proviamo sono date dalla vista e dall’udito. Se si “spegne” il suono tutto risulta impoverito. Ecco perché abbiamo pensato di adattare e tradurre delle opere teatrali anche in questa speciale lingua. Vogliamo che i non udenti diventino spettatori abituali, non una tantum”. Nelle prossime due stagioni sono previsti in calendario altri cinque nuovi spettacoli adattati per persone con questo tipo di deficit.