Come non stressare un cliente autistico al ristorante

di Roberta Lunghini - 15.03.2016
Come non stressare un cliente autistico al ristorante
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per una persona con autismo l’attesa al ristorante può essere un’importante fonte di stress e turbamento. Che, complice l’ambiente ricco di odori intensi e rumori forti, può arrivare a provocare delle vere e proprie crisi. Questo soprattutto in vacanza quando si ritrovano in posti sconosciuti lontani dall’abituale e rassicurante corso della quotidianità. Ma ci sono degli accorgimenti che i ristoratori e gli albergatori possono adottare per rendere meno problematico il momento a tavola di chi soffre di questo disturbo. In particolare le socie fondatrici del centro di ricerca e apprendimento Be&Able di Roma, come riportato da Bed&Care, danno almeno tre semplici, ma fondamentali, consigli da seguire:
1. Ridurre il più possibile il tempo di attesa. Magari consentendo alla famiglia di ordinare la cena con largo anticipo e concordando l’orario in cui dovrà essere pronto il pasto;
2. Mostrare, al momento dell’ordinazione, una foto delle pietanze, il più possibile realistica, attraverso la quale la persona possa analizzare il colore dei cibi o la quantità e la dimensione dei vari elementi che compongono il piatto;
3. Collocare il tavolo in un punto tranquillo della sala, ma non appartato, evitando di posizionare la persona autistica vicino a tavolate rumorose o alla cucina dove la confusione e gli odori potrebbero essere più intensi e fastidiosi.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Un giochetto manuale unisce bimbi autistici e non

    Spopola tra i bimbi di mezzo mondo, ma pochi sanno che il Fidget Spinner è nato come giocattolo per autistici. La trottola rotante che va mantenuta in movimento con un’abile pressione delle dita delle mani, infatti, esiste fin dagli anni ‘90 e la sua invenzione si deve a Catherine Hettingher, un ingegnere americana Leggi tutto.

  • Vogliono curare l’autismo con l’elettroshock

    Un numero crescente di bambini autistici americani viene sottoposto a terapia elettroconvulsivante, comunemente nota come elettroshock. Il controverso trattamento si basa sull'induzione di convulsioni nel paziente successivamente al passaggio di corrente elettrica nel cervello. Come dimostra un esclusivo documentario andato in onda domenica scorsa sul canale TV della BBC, questa Leggi tutto.

  • La storia del medico con autismo in una nuova serie TV

    L'autismo è al centro di un nuovo dramma televisivo che verrà messo in onda in autunno dalla ABC, storica emittente televisiva statunitense. “The Good Doctor” racconterà la storia di Shaun Murphy, un giovane chirurgo con autismo e sindrome del savant che lascia la sua vita tranquilla di provincia per lavorare Leggi tutto.

  • Se hai un figlio autistico e non sai dove portarlo a cena prova questo

    Per i genitori con bambini autistici andare a cena è spesso un incubo. Perché spesso, quando i figli iniziano a gridare, fare rumore o manifestare comportamenti anti-sociali, sono costretti a subire imbarazzati gli sguardi infastiditi degli altri commensali. Per loro è nata Autism Eats. Un’organizzazione oggi presente in undici stati americani Leggi tutto.

  • Gli autistici diventano programmatori grazie a questa startup

    Apre i battenti a Los Angeles una scuola per insegnare alle persone autistiche il linguaggio informatico della programmazione. La nuova startup Coding Autism, infatti, mira a sviluppare le competenze nel coding, nello sviluppo di pagine Web e nell’ingegneria software di questi speciali studenti. I partecipanti seguiranno un boot-camp di 15 Leggi tutto.

  • La ragazza autistica che ha interrotto il concerto di Fiordaliso

    Una performance che ha emozionato e ottenuto finora quasi settemila visualizzazioni su Facebook. Il coro Anffas “La Rosa Blu” di Atessa (CH), formato da ragazzi disabili e dai loro genitori, si è esibito insieme alla cantante Fiordaliso in occasione del suo concerto a Pollutri (CH), sulle note di “Non voglio Leggi tutto.