Come non stressare un cliente autistico al ristorante

di Roberta Lunghini - 15.03.2016
Come non stressare un cliente autistico al ristorante
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Per una persona con autismo l’attesa al ristorante può essere un’importante fonte di stress e turbamento. Che, complice l’ambiente ricco di odori intensi e rumori forti, può arrivare a provocare delle vere e proprie crisi. Questo soprattutto in vacanza quando si ritrovano in posti sconosciuti lontani dall’abituale e rassicurante corso della quotidianità. Ma ci sono degli accorgimenti che i ristoratori e gli albergatori possono adottare per rendere meno problematico il momento a tavola di chi soffre di questo disturbo. In particolare le socie fondatrici del centro di ricerca e apprendimento Be&Able di Roma, come riportato da Bed&Care, danno almeno tre semplici, ma fondamentali, consigli da seguire:
1. Ridurre il più possibile il tempo di attesa. Magari consentendo alla famiglia di ordinare la cena con largo anticipo e concordando l’orario in cui dovrà essere pronto il pasto;
2. Mostrare, al momento dell’ordinazione, una foto delle pietanze, il più possibile realistica, attraverso la quale la persona possa analizzare il colore dei cibi o la quantità e la dimensione dei vari elementi che compongono il piatto;
3. Collocare il tavolo in un punto tranquillo della sala, ma non appartato, evitando di posizionare la persona autistica vicino a tavolate rumorose o alla cucina dove la confusione e gli odori potrebbero essere più intensi e fastidiosi.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Questo papà sfata i falsi miti sull’autismo

    Jason Love è un attivista di Los Angeles, teso a smontare gli stereotipi verso l’autismo, come quello che i bimbi affetti siano privi d’inventiva. L’uomo mostra, invece, come il figlio autistico crei scenari immaginari in cui sfogare le sue fantasie. Nel video - infatti - vediamo il bimbo “preparare dei Leggi tutto.

  • Anche se Down e autistica faccio di tutto per salvarla

    “Aiutatela a chiamarmi mamma”. Con queste parole la francese Justine Durmont inizia a raccontare la storia di Ava, la figlia di 4 anni che, caso rarissimo, ha sia la Sindrome di Down che l’autismo. A causa delle quali non ha alcuna autonomia nelle attività quotidiane, non parla e non comunica. Una doppia patologia Leggi tutto.

  • Per la Cassazione non c’è legame tra vaccino e autismo

    Dalla giurisprudenza italiana arriva un’altra decisione che nega il legame tra vaccino e autismo. Stavolta si tratta della Corte di Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso contro le sentenze di primo grado e d'appello, con le quali era stata rigettata la richiesta di indennizzo presentata dal tutore di un Leggi tutto.

  • Non sono gli antidepressivi in gravidanza a causare l’autismo

    I bambini esposti a antidepressivi durante le gravidanze delle loro madri sembrano avere un rischio leggermente più elevato di sviluppare l’autismo. Ma nel pubblicare le sue scoperte sul British Medical Journal, un team di ricercatori sostiene che questi risultati non dovrebbero causare allarme, poiché le probabilità assolute assolute rimangono molto Leggi tutto.

  • Per i ragazzi autistici americani ora è più divertente andare allo zoo

    Si trova ad Akron il primo zoo completamente autism-friendly dell’Ohio e il secondo in tutti gli Stati Uniti. Dopo la positiva esperienza del bioparco di Birmingham (Alabama), anche questo stato USA, infatti, ha voluto creare un luogo dove permettere ai ragazzi con bisogni speciali di ammirare gli animali di ogni specie. A usufruirne Leggi tutto.

  • Più difficoltà con la routine quotidiana per le bambine autistiche

    Le ragazze autistiche hanno, rispetto ai maschi, più difficoltà nello svolgere le comuni attività quotidiane. A sottolineare quest’aspetto, uno studio americano pubblicato nella rivista scientifica Autism Research. Dai dati raccolti su un campione di genitori cui è stato chiesto di valutare il grado di indipendenza dei loro con un disturbo Leggi tutto.