Col congedo mestruale dipendenti più felici e produttive

di Ivano Abbadessa - 04.03.2016
Col congedo mestruale dipendenti più felici e produttive
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Una buona notizia per le lavoratrici che soffrono di dismenorrea, ossia il ciclo mestruale doloroso. Nel Regno Unito l’azienda Coexist ha manifestato la volontà di introdurre un congedo mestruale alle sue dipendenti che soffrono questa condizione. Secondo la direttrice si tratta di un’iniziativa unica Oltremanica che ha l’obiettivo di dare alle donne una maggiore flessibilità e creare un ambiente lavorativo felice, sano e dunque più produttivo. L’iniziativa, comunque non è nuova nel mondo. È stato il Giappone, nel 1947, il primo Paese a introdurre il congedo mestruale, seguito poi da altre nazioni asiatiche.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La T-shirt per la diagnosi precoce delle malattie polmonari

    Una T-shirt intelligente che individua le malattie respiratorie. Si tratta di un brevetto dell’Università di Laval, capace di misurare le frequenze dell'inspirazione e dell'espirazione e scovare in tempo una possibile polmonite, l'asma, l'apnea notturna. Come? Grazie a una fibra ottica posizionata sulla maglietta, in corrispondenza del petto. L’antenna, rivestita nella Leggi tutto.

  • L’Accademia dei Lincei si schiera a favore dei vaccini obbligatori

    “I vaccini sono l’intervento medico a più basso costo che ha permesso di sconfiggere malattie che provocano disastrose epidemie”. È quanto si legge nel rapporto sul tema recentemente approvato all'unanimità dall'Accademia dei Lincei. Che, con questo documento, si schiera apertamente a favore dell’immunizzazione, mettendo a disposizione della comunità i pilastri Leggi tutto.

  • Sul red carpet di Cannes sfila la modella con la vitiligine

    Sul red carpet del 70° Festival di Cannes, anche Winnie Harlow, la top model con la vitiligine. Ha sfilato durante la seconda serata della kermesse (18 maggio), in un magnifico abito blu elettrico, per la presentazione del film Loveless, del regista russo Andreï Zviaguintsev. Winnie Harlow, 22enne di origini canadesi, Leggi tutto.

  • Le tre cause principali di morte tra i giovani di tutto il mondo

    1,2 milioni di adolescenti muoiono nel mondo ogni anno. A denunciare le cifre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Che ha elencato le tre cause principali all’origine dei numerosi decessi. Nell’ordine, incidenti stradali, infezioni e malattie respiratorie, suicidio. La maggior parte delle morti avviene in Africa e nel sud-est asiatico. Mentre, per Leggi tutto.

  • Nonostante HIV arrivano anche alla pensione

    Un sieropositivo ventenne sotto terapia antiretrovirale ha oggi un’aspettativa di vita di 78 anni, non lontana da quella dei suoi coetanei sani. Il dato è emerso da uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet  e realizzato da un team di ricercatori dell’università di Bristol su un campione di 88.500 pazienti europei e Leggi tutto.

  • Un giovanissimo inventa un’Eva che può salvare molte

    Ha appena compiuto 18 anni Julian Rios Cantu ma ha già inventato un dispositivo che potrebbe salvare la vita a molte donne. Si tratta di un reggiseno hi-tech, soprannominato Eva, pensato per diagnosticare i primi sintomi del cancro al seno. Il giovane, di nazionalità messicana, aveva solo 13 anni quando la Leggi tutto.