Che faresti se un disabile si innamorasse di te?

di Roberta Lunghini - 21.12.2015

Nell’ipotesi che “un portatore di handicap motorio o sensoriale si innamorasse di te”, quasi la metà degli italiani (il 47,21%) non escluderebbe un possibile coinvolgimento amoroso. Mentre, nel caso di una persona con deficit cognitivo, la percentuale scende al 12,60% e il sentimento prevalente sarebbe la tenerezza. Tuttavia, in entrambe le situazioni, è molto bassa la quota di coloro che lo escludono categoricamente (rispettivamente l’1,86% e l’8,10%). A dirlo i risultati di un questionario lanciato online dallo psicologo e psicoterapeuta Lelio Bizzarri, al quale hanno risposto quasi in 1.000. In generale, emerge un atteggiamento piuttosto aperto e che vede un rapporto sessuale, non solo tra portatori di handicap, ma anche tra disabili e non, come qualcosa di assolutamente normale.

Pubblicato in Disabili e sessualità.
Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • Vi racconto come ci innamoriamo noi gay disabili

    Sesso, disabilità, omosessualità. Nell’immaginario comune, sono tre parole che non vanno d’accordo. A smontare il falso mito che un disabile, magari gay, non possa andare alla ricerca dell'amore, un divertente video girato dall’associazione bolognese Jump Oltre, che difende i diritti dei disabili LGBT. Protagonista di spicco della clip è il Leggi tutto.

  • Il loro sarà un San Valentino dell’altro mondo

    Questo San Valentino è dedicato a una storia d’amore un po’ speciale. Quella tra Hélène e Laurence, lesbiche e disabili. Una ha riportato un grave handicap a seguito di un incidente stradale, mentre l’altra ha subito importanti danni cerebrali dopo un problema cerebrovascolare all’età di 20 anni. In coppia dal Leggi tutto.

  • Come innamorarsi senza nascondere la propria disabilità

    Glimmer è la prima app di dating online che non nasconde la disabilità dei suoi utenti. In quelle sul mercato attualmente, Tinder in primis, includere il proprio handicap tra le informazioni del profilo è, infatti, impossibile. Dal formato delle immagini che spesso non permette la figura intera, e quindi la Leggi tutto.

  • Toccare senza vedere consente loro di apprezzare il sesso

    Speciali modelli anatomici 3D per insegnare l’educazione sessuale ai ciechi. Non si tratta di protesi, bensì di una serie di 18 fedeli riproduzioni degli organi sessuali maschili e femminili in diversi stati di eccitazione. Che consentono agli studenti di “sentire”, attraverso il tatto, i cambiamenti del corpo. Innovativi strumenti didattici realizzati dall’associazione Leggi tutto.

  • Gli assistenti sessuali hanno molti e spesso insospettati nemici

    È grazie a Maximiliano Ulivieri se in Italia parlare di assistenti sessuali non è più un tabù. Visto che per primo, col progetto Lovegiver, si è impegnato per il formale riconoscimento  di questa “speciale” figura professionale.  1) Come si fa a diventare assistenti sessuali in Italia? È difficile perché è una professione Leggi tutto.

  • I disabili mentali raccontano le loro pene d’amore

    Anche i disabili mentali amano. Potrebbe essere questo il sottotitolo del documentario francese “Les Mots Doux”. Che cosa è un colpo di fulmine? Quando andare a vivere insieme? Siamo davvero fatti l’uno per l’altro? E il sesso? C’è per esempio Caroline che dice di credere ancora nell’amore; Paulo che invece Leggi tutto.