Bimbi disabili in pet therapy con bastardini abbandonati

di Ivano Abbadessa - 02.02.2016
Bimbi disabili in pet therapy con bastardini abbandonati
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Impiegare cani randagi nei programmi di pet therapy per i bambini disabili. Questa la scommessa ambiziosa di Vier Pfoten. Un’organizzazione che a Bucarest ha recentemente inaugurato un centro di assistenza e cura più unico che raro. Perché è qui che i cani abbandonati (un’infinità) per le strade della capitale rumena trovano casa per essere addestrati a convivere coi piccoli pazienti con disabilità. Che, gratuitamente e grazie al supporto di personale altamente specializzato, vengono coinvolti, insieme agli amici a quattro zampe, in una serie di attività quotidiane utili ad accelerare il loro processo di riabilitazione psico-fisica.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • La lista dei campus estivi per ragazzi dislessici

    Sono tanti i campus estivi per i ragazzi con Difficoltà di Apprendimento (DSA) organizzati in varie Regioni italiane. Quest’iniziativa dell’AID (Associazione Italiana Dislessia) offre un'esperienza educativa e formativa unica, volta a stimolare l'autonomia di bambini e adolescenti, attraverso l'utilizzo di tecniche e strumenti informatici e favorirne la motivazione, l'autostima e Leggi tutto.

  • Così i ciechi sportivi possono correre la maratona

    Una piattaforma online per far incontrare non vedenti appassionati di corsa e corridori che si offrono come guide sportive per eventi amatoriali o maratone. È questo il principio alla base di “Comparte tu energía” (Condividi la tua energia), un punto di incontro sul web appena inaugurato in Spagna. L'obiettivo degli Leggi tutto.

  • Sei indicazioni utili per i maturandi dislessici

    Ecco le istruzioni e le modalità di svolgimento degli Esami di Stato per gli studenti dislessici illustrate dall’Associazione Italiana Dislessia e dal MIUR: 1) È possibile utilizzare tutti gli strumenti compensativi. 2) Si può usare il proprio PC con i software specifici installati per l’apprendimento, previo controllo fatto dalla Commissione per impedire Leggi tutto.

  • Così i non vedenti possono riscoprire i monumenti

    “Conoscere l’arte toccandola con mano”. È questo la sfida di Tooteko, startup culturale innovativa che ha sviluppato un nuovo metodo d’apprendimento basato su tatto e udito. Tooteko è, infatti, il nome del dispositivo che consente di conoscere la storia di un monumento semplicemente toccandolo: il tutto, grazie ad un anello Leggi tutto.

  • Quando la 104 non protegge dal trasferimento

    In Italia, un lavoratore che assiste un familiare disabile può essere spostato di sede se esistono esigenze aziendali effettive. Lo ha chiarito la Cassazione nel rigettare la richiesta di una dipendente della AUSL Roma A, di giudicare illegittimo il provvedimento con il quale era stato disposto il suo trasferimento in Leggi tutto.

  • Il manager che con il successo ha avuto la meglio sull’handicap

    Scrive e legge raramente mail e report, non usa Facebook, né Linkedin, non fa riunioni ma è uno dei più importanti top manager americani. Parliamo di Selim Bassoul che nonostante sia iperattivo e dislessico è alla guida del colosso statunitense Middleby Corporation. Un successo figlio di due mosse vincenti contro Leggi tutto.