Scoprire l’autismo entro il primo anno di età è possibile

di Beatrice Credi - 16.02.2017
Scoprire l’autismo entro il primo anno di età è possibile
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter Condividi su Whatsapp
  • Stampa

Un nuovo studio suggerisce che è possibile prevedere entro il primo anno di vita se un bambino svilupperà l’autismo (ASD). Gli scienziati hanno raccolto le scansioni cerebrali di oltre 106 neonati considerati ad alto rischio perché avevano fratelli con disturbi dello spettro e di 42 senza alcun parente stretto con autismo.  All’età di due anni a quindici di loro è stato diagnosticato l’autismo. I medici sono dunque andati indietro nel tempo – le immagini sono state analizzate a 6, 12 e 24 mesi – notando che il cervello di quelli con ASD si era sviluppato in maniera differente. Tra i 6 e i 12 mesi, per esempio, lo strato esterno della parte anteriore era leggermente più grande. Nel corso dei 12 mesi successivi, i loro cervelli hanno continuato ad essere leggermente più grandi rispetto a quelli dei loro coetanei. Questa crescita ha ragioni ancora sconosciute, ma viene associata con l’ASD. I risultati di questo studio pubblicato su Nature sono considerati una vera svolta per la diagnosi precoce dell’autismo.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:
  • L’inno antivaccinista di una mamma rapper

    Rapper, mamma di un bimbo autistico e antivaccinista. Nel suo ultimo album dal titolo MC (madri coraggio) l’artista francese L'Originale K-Lindsey denuncia le difficoltà di tutte le donne che, come lei, hanno un figlio con un disturbo dello spettro autistico. La solidarietà che si viene a creare tra questi genitori, Leggi tutto.

  • Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

    È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo. Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che Leggi tutto.

  • Inizia la formazione per i giovani ragazzi della “casa di Toti”

    È appena terminato il primo stage di sei giovani disabili presso "La Casa di Toti". L’albergo etico voluto da Muni Sigona, mamma di un ragazzo autistico, attualmente in costruzione a Modica, che vedrà ragazzi con lievi ritardi cognitivi vivere e lavorare, impegnati a gestire un’impresa nel sociale. Intanto, in attesa Leggi tutto.

  • Scoperto perché gli autistici evitano il contatto visivo

    Le persone con autismo spesso evitano il contatto visivo. E gli altri pensano che lo facciano per timidezza, indifferenza, o che sia un segno di disagio sociale. Ma ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno utilizzato scansioni cerebrali di pazienti autistici per sostenere la loro Leggi tutto.

  • Scoperto il perché dell’avversione al tocco nell’autismo

    L’ipersensibilità agli stimoli tattici è alquanto diffusa fra le persone con autismo. Si tratta di un complesso di reazioni di allarme e difensive - che possono manifestarsi anche come aggressività - messe in atto di fronte a stimoli che non sono in realtà minacciosi, come per esempio un abbraccio. Questo Leggi tutto.

  • Con una risonanza si può predire l’autismo già a 6 mesi

    Nei bimbi di appena 6 mesi di vita l’autismo si può predire. Molto prima che si manifestino i primi sintomi di questo disturbo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine. I ricercatori dell’Università della Carolina del Nord hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei neonati con sei Leggi tutto.